Home»News»Limiti di velocità differenziati: l’Austria “premia” l’elettrico. Ecco perché

Limiti di velocità differenziati: l’Austria “premia” l’elettrico. Ecco perché

0
Condivisi
Pinterest Google+

Limiti di velocità differenziati: l’Austria “premia” l’elettrico. Ecco perché

Dal 2019 in Austria i veicoli elettrici potranno viaggiare a velocità superiori. La differenziazione non vale per l’intera tratta autostradale, ma solo per il 20% della rete, vale a dire circa 440 chilometri. La ragione con la quale l’Austria motiva il provvedimento è ambientale.

Veicoli a zero emissioni a 130 km/h di velocità anche nelle zone IG-L

L’annuncio è stato dato dalla ministra per il Turismo e la sostenibilità, Elisabeth Köstinger (nella foto). La velocità consentite ai veicoli elettrici sono quelle massime del Codice della Strada del paese, cioè 130 km/h. In alcune particolari aree, quelle soggette a particolari “carichi” di emissioni atmosferiche e acustiche (zone IG-L), il limite è stato ridotto da tempo dalle autorità a 100 km/h.  Ma poiché i veicoli a batteria sono a “emissioni zero” (rumore di rotolamento e polveri di freni e pneumatici a parte) la loro eventuale maggiore velocità viene permessa.

Incentivo alla mobilità a zero emissioni: l’80% dell’energia è “rinnovabile”

L’Austria, e il Tirolo in particolare, ha già dichiarato guerra  al traffico Tir da anni , ingaggiando una battaglia politica e commerciale non solo con l’Italia. Tra le altre cose puntata al trasferimento dalla gomma alla rotaia. Il Land tirolese ha già imposto restrizioni alle andature con limitazioni ai transiti. Almeno nelle intenzioni, la misura dovrebbe anche incentivare l’acquisto di veicoli elettrici. Tra il 2025 ed il 2030 Vienna intende ridurre le emissioni di anidride carbonica del 35%. Considerando che l’80% dell’energia consumata nel paese è rinnovabile o quasi (soprattutto di origine idroelettrica), la conversione è almeno più sostenibile che altrove.

velocità Austria

 

 

 

Articoli precedente

Volkswagen e Ford verso "larghe intese" sulla guida autonoma ed elettrica

Articolo successivo

Ribassi di Eni (benzina e diesel) e Tamoil (GPL). Quotazioni crollano