Home»News»BMW M Performance, M2 Coupé e M4 Coupé ancora più cattive

BMW M Performance, M2 Coupé e M4 Coupé ancora più cattive

0
Condivisi
Pinterest Google+

Una BMW M non vi basta? Attendete qualche mese e sarete accontentati. Al SEMA (Speciality Equipment Market Association) di Las Vegas, la divisione sportiva di BMW ha portato diverse proposte griffate M Performance molto interessanti e che saranno messe in vendita a partire dal prossimo anno.

Cominciamo dalla M4 M Performance Parts, “vestita” di una nuova griglia del radiatore e “truccata” con inserti in fibra di carbonio (CFRP) nel frontale e con il contorno nero per il classico doppio rene. Sono ovviamente solo estetiche anche le strisce adesive in azzurro-blu-rosso che iniziano dall’indicatore di direzione sulla fiancata e terminano sul paraurti posteriore, appena sopra i terminali di scarico. A proposito della parte posteriore, fra la doppia coppia di scarichi spicca il nuovo estrattore in fibra di carbonio, materiale con cui sono realizzate anche le calotte degli specchietti. I tecnici M hanno messo mano anche sottopelle, con modifiche all’assetto, studiato per migliorare l’handling e la prestazione pura in curva. Nell’abitacolo i segni particolari sono l’Alcantara utilizzata per il volante (con tanto di “punto 0” impresso sulla corona) e la leva del freno a mano, i pedali rivestiti di acciaio specifico e la leva del cambio ridisegnata.

Fatta la M4, “bisognava” fare la M2 Coupé, che puntualmente è stata trasformata seguendo le linee guida della sorella maggiore. Anche in questo caso c’è dunque spazio per una griglia anteriore brunita con contorno nero di spessore maggiorato, per il CFRP (fibra di carbonio) delle calotte degli specchietti e dello spoiler posteriore. Sottopelle, la vettura si avvale ora di sospensioni che estremizzano l’assetto in ottica sportiva e un nuovo impianto di scarico esalta il sound del 6 cilindri in linea bavarese. Anche qui, l’abitacolo è dominato dall’Alcantara, utilizzata sul volante e sul pomello del cambio in alternanza alla fibra di carbonio.

Ultimo, ma non meno importante, la divisione M ha presentato anche l’M Performance exhaust system: più sound, meno peso. Realizzato interamente in acciaio inox con terminale in titanio dà la possibilità di regolarsi il sound secondo i propri gusti: ci sono due programmi, ognuno dei quali legato a un setup di guida. Invariati il motore e i suoi dati dichiarati, sia in termini di prestazioni sia di consumo.

Articoli precedente

Crash test: 5 stelle per Audi A4 e Honda HR-V e Jazz, VW Caddy si ferma a 4

Articolo successivo

Datsun Go Cross Concept, prove di crossover low cost