Home»News»Il ritorno all’idrogeno con Toyota, Bmw X5 a celle a combustibile nel 2025

Il ritorno all’idrogeno con Toyota, Bmw X5 a celle a combustibile nel 2025

0
Condivisi
Pinterest Google+

Il ritorno all’idrogeno con Toyota, Bmw X5 a celle a combustibile nel 2025

La nuova alternativa a zero emissioni della casa all’Elica è la Bmw X5 a idrogeno. Il suv bavarese a celle a combustibile dovrebbe debuttare nel 2025, almeno questo è ciò che ha anticipato Klaus Fröhlich, numero dello sviluppo del costruttore tedesco. Bmw rilancia l’idrogeno a 10 anni di distanza della fine della propria sperimentazione sulla Serie 7.

L’intesa fra la casa bavarese e quella giapponese risale al 2013

La novità, che risale all’accordo siglato qualche anno fa, è la tecnologia di derivazione Toyota. Parte dei sistemi che verranno impiegati sulla Bmw X5 sono frutto della collaborazione con il colosso giapponese, che ha già a listino la Mirai. La casa dell’Elica lavora allo sviluppo di una serie limitata del suv. Nel 2025, almeno secondo il manager (fra i papabili, anche se non il più quotato, alla successione di Kruger alla guida del gruppo), i costi dovrebbero diventare più sostenibili.

Il prototipo Serie 7 Hydrogen aveva un motore da 6.0 litri

E anche quando la sola rete distributiva tedesca dovrebbe essere di non meno di 400 stazioni di servizio. “Non ne parliamo molto, ma ci stiamo lavorando”, ha dichiarato Fröhlich. Quando, nel 2009, Bmw aveva sospeso i test, la Serie 7 sperimentale montava un V12 da 6.0 litri che funzionava sia a benzina sia a idrogeno. Il prossimo Bmw X5 si guiderà come un BEV (Battery Electric Vehicle) e l’idrogeno alimenterà l’accumulatore. I primi prototipi della nuova opzione a celle a combustibile erano stati una Serie 5 GT ed una i8, esibiti entrambi nel 2015.

Costi “sostenibili” per la tecnologia a celle combustibile per Bmw X5 con il 2025

Il costruttore non anticipato le possibili prestazioni della Bmw X5 a idrogeno, ma i dati ufficiali relativi agli ultimi test della i8 parlavano di un’unità elettrica da 245 CV. L’autonomia del FCEV, Fuel Cell Electric Vehicle, era stata dichiarata nell’ordine dei 500 chilometri. Per il trasferimento della tecnologia a idrogeno nella produzione di serie è necessario un abbattimento dei costi, da 80.000 a 10.000 euro. Uno scenario simile potrebbe verificarsi nel 2025.

Articoli precedente

Winkelmann e l'ipotesi della nuova Bugatti: "Concetto innovativo di auto"

Articolo successivo

L'Italia apre le porte alla nuova Opel Corsa: benzina, diesel o elettrica