Home»News»Bonus ed ecoincentivi: aumentano le vendite di auto elettriche ed ibride

Bonus ed ecoincentivi: aumentano le vendite di auto elettriche ed ibride

0
Condivisi
Pinterest Google+

A dispetto della delicatissima situazione commerciale del settore, aumentano le vendite di auto elettriche ed ibride. Secondo l’analisi di AutoScout24 , su base dati UNRAE, rispetto allo stesso mese del 2019 le elettriche sono infatti aumentate del +53,2% (2.228 unità), le ibride del +84,4% (17.684 unità). Raggiungendo, nel complesso, una quota totale del 15%. Gli incentivi messi a disposizione per l’acquisto di un’auto ibrida ed elettrica, sia dal Governo con l’Ecobonus 2020 sia dalle regioni e dai comuni, iniziano a dare una spinta a questo segmento.

Per aiutare i consumatori nel complesso mondo degli incentivi nazionali, locali e regionali, il Centro Studi di AutoScout24 ha realizzato una guida a livello territoriale, che riportiamo integralmente. Grazie all’Ecobonus del Governo, rottamando un veicolo di classe Euro 4 o inferiore si possono acquistare vetture ibride ed elettriche con uno sconto che arriva fino a 6 mila euro per vetture con emissioni di CO2 da 0 a 20 g/km e a 2.500 da 21 a 70 g/km.

Senza rottamazione i valori calano rispettivamente a 4.000 e 1.500 euro. Il prezzo di listino dell’auto deve essere inferiore a 50 mila euro + iva. Gli incentivi, però, non finiscono qui. Accanto a quelli nazionali, anche alcuni comuni e regioni, soprattutto del Nord Italia, hanno introdotto i loro bonus. Per cui, in base alla località di residenza è possibile ottenere ulteriori sconti per l’acquisto di auto ibride ed elettriche che vanno ad aggiungersi all’Ecobonus nazionale.

Nuova puntata TV: elettrica sì o elettrica no ?

Considerando solo le auto elettriche, qual è il risparmio nei singoli territori?

Tra incentivi nazionali e locali, a Milano rottamando un veicolo benzina in classe Euro 2 o inferiore e Diesel Euro 5 o inferiori, si potrebbe ottenere uno sconto fino a ben 15.600 euro (9.600 del comune e  6.000 dell’Ecobonus). In attesa di maggiori dettagli per l’applicazione di questi incentivi, il contributo arriverebbe a coprire massimo il 60% del costo totale del veicolo, escluse Iva e messa su strada.

Nella regione Lombardia, rottamando una vettura benzina in classe Euro 2 o inferiori e Diesel Euro 5 o inferiori, lo sconto totale è di 14 mila euro. In Valle d’Aosta l’incentivo è di 12 mila euro, ma può arrivare a 21 mila per le imprese. Spostandosi in Veneto, invece, rottamando un veicolo benzina in classe Euro 3 o inferiori, Diesel Euro 5 o inferiori, è di 10.500.

Stando in Friuli-Venezia Giulia si spende in meno 11mila euro e vale per le nuove immatricolazioni e per le km 0, oltre a essere l’unica regione ad aver previsto un bonus di almeno 1.500 per l’acquisto di vetture usate purchè abbiano meno di due anni dalla prima immatricolazione. A Bolzano e Trento i cittadini risparmiano 10 mila euro.

In Umbria, rottamando un veicolo benzina o diesel in classe Euro 4 o inferiori, l’incentivo è pari 4 mila euro per l’acquisto di un’auto elettrica nuova per chi abita a Terni e Narni e si va a sommare, anche in questo caso, a quello nazionale, arrivando a 10 mila in totale.

Il Piemonte e la Sardegna hanno fissato alcuni incentivi, ma limitati alle piccole e medie imprese. In Piemonte rottamando un veicolo benzina in classe Euro 1 o inferiore o diesel Euro 4 o inferiori lo sconto va da 10 mila a 16 mila euro, a seconda della massa (fra 1 e 12 tonnellate). In Sardegna si registra lo sconto più alto, con 21 mila euro o il 75% del prezzo d’acquisto.

LEGGI ANCHE –> AUTO ELETTRICHE, NON È TUTTO ORO QUELLO CHE LUCCICA. IL MONITO DI ALLIANZ GLOBAL

ricarica bidirezionale renault

Quanto costerebbero ai privati alcune fra le più diffuse automobili elettriche, e qual è il risparmio?

Considerando tutti gli incentivi, nazionali e locali, ed eventualmente la rottamazione richiesta, con l’Ecobonus gli sconti vanno dal 15% al 26%, in base al modello di auto. Con gli incentivi locali, il risparmio maggiore potrebbe essere per i cittadini milanesi. Grazie ad una riduzione per l’acquisto di un’auto elettrica che va dal -31% per la Tesla Model 3 a ben il -67% della Volkswagen e-up!.

Articoli precedente

Renegade 4xe e Compass 4xe, domani comincia l'era plug-in di Jeep

Articolo successivo

Ford Puma, sei mesi "vincenti", è l'auto ibrida più venduta in Italia