Home»News»Bosch SPLT e Call4U: due innovative App per la mobilità di oggi

Bosch SPLT e Call4U: due innovative App per la mobilità di oggi

1
Condivisi
Pinterest Google+

Tempo di bilanci per Bosch. L’azienda leader di tecnologie e servizi nel 2018 ha conseguito, in Italia, un volume d’affari di circa 2,5 miliardi di euro. Questo risultato si discosta leggermente da quello registrato l’anno precedente, determinato da un contesto congiunturale non favorevole, in particolare, per quanto riguarda il settore automotive. Il fatturato raggiunto si compone di effetti diversi tra le aree di business. Quello trainante è stato decisamente il settore Industrial Technology. “Come da previsioni il 2018 è stato contraddistinto da una complessa situazione economia e geopolitica, ma Bosch Italia è riuscita ad affrontare e gestire il periodo” afferma Gerhard Dambach, Amministratore Delegato del Gruppo Bosch in Italia. “Per il 2019 la situazione contingente è ricca di sfide, ma siamo convinti che la diversificazione della nostra azienda possa offrire numerose opportunità di business per affrontare tale contesto attraverso la competenza tecnologica”.

Bosch

SPLT: il Car Pooling secondo Bosch

Un esempio è l’innovativo servizio di Car Pooling SPLT. Si tratta di un servizio pensato per aziende, università o pubbliche amministrazioni facilissimo da utilizzare. Basta scaricare gratuitamente l’App su Play Store (digitando “SPLT”) o su App Store (digitando “Splitting Fares”), registrarsi con il proprio indirizzo email e inserire il codice fornito dall’azienda. In questo modo è possibile cercare o offrire una corsa da condividere e trovare la corrispondenza migliore per l’itinerario pianificato. L’algoritmo di SPLT, infatti, mette in contatto automaticamente i colleghi – conducenti e passeggeri – che hanno in programma il medesimo tragitto. Il servizio è, dunque, ideale per gli utenti che percorrono la stessa strada ogni giorno.

Grazie a SPLT è possibile pianificare viaggi con grande flessibilità, visualizzando in tempo reale gli utenti che scelgono di usufruire del servizio e i tempi di percorrenza. Il costo totale della corsa, comprensivo dei pedaggi, è calcolato sulla base delle tabelle ACI (0,40 euro per chilometro). L’importo è gestibile tramite App e viene ripartito equamente fra tutte le persone a bordo dell’auto. Inoltre, condividendo il viaggio si contribuisce alla riduzione del traffico urbano con la conseguente diminuzione delle emissioni di CO2. In questo modo è possibile recarsi al lavoro e tornare senza stress, spendendo poco e con un ridotto impatto ambientale.

Bosch

Call4U: la tempestività di soccorso stradale by Bosch

Un ulteriore esempio di virtuosismo by Bosch è il sistema Call4U. In caso di incidente in auto, la tempestività dei soccorsi può rivelarsi determinante, soprattutto per salvare vite umane. Proprio per questo, Bosch ha progettato Call4U. Un sistema di soccorso digitale retrofit che rileva automaticamente gli incidenti in auto e allerta, tramite SMS e/o email, le persone care indicando la posizione GPS del veicolo. In questo modo, chi riceve la segnalazione può contattare l’utente in auto per verificare la sua incolumità̀ e attivare i soccorsi in caso di necessità. Non di rado, infatti, dopo l’impatto, il guidatore o i passeggeri feriti o in stato di shock, non sono in grado di effettuare una chiamata d’emergenza. In questi casi che Call4U si rivela fondamentale.

L’Unione Europea ha reso il sistema di chiamata d’emergenza eCall obbligatorio per tutte le vetture di nuova omologazione, a partire dal 31 marzo 2018. Per tutte le altre auto, oggi è disponibile Call4U, la prima social eCall di Bosch. A differenza del sistema eCall di serie che dialoga con i servizi di emergenza attraverso un apposito call center, Call4U informa le persone scelte direttamente dal guidatore.

Il dispositivo Telematics Plug è semplicissimo da installare: è sufficiente inserirlo nella presa accendisigari a 12V dell’auto, scaricare l’App gratuita Call4U sullo smartphone, registrarsi e aggiungere fino a un massimo di quattro contatti da allertare in caso di incidente. Il dialogo tra dispositivo e smartphone è reso possibile grazie alla tecnologia Bluetooth 4.0. I sensori di accelerazione e gli algoritmi intelligenti rilevano l’impatto e l’App invia automaticamente al Cloud le informazioni e i dati GPS registrati al momento dell’incidente. Per ovviare al problema del telefono scarico, Call4U è dotato di un’apposita presa USB che consente di ricaricare lo smartphone. Infine, il sistema non prevede alcun costo aggiuntivo del servizio. Il prezzo consigliato di Call4U si aggira intorno alle 80 euro.

Bosch

Articoli precedente

Per viaggiare nel lusso e nel comfort più estremi: arriva la BMW X7

Articolo successivo

Fino a 7 posti in meno di 4 metri, il "miracolo" indiano della Renault Triber