Home»News»Brevetto Daimler, raffreddamento a spruzzo delle gomme

Brevetto Daimler, raffreddamento a spruzzo delle gomme

0
Condivisi
Pinterest Google+

Dopo l’auto volante immaginata da Toyota ed il cofano “appiccicoso” per proteggere i pedoni di Google, arriva ora il brevetto di Daimler: la Mercedes ha infatti depositato nel Regno Unito il brevetto di un sistema a spruzzo per raffreddare i pneumatici. La tecnologia è “autosufficiente”, cioé utilizza l’acqua che il veicolo raccoglie ed immagazzina durante l’uso. Un sistema a raggi infrarossi rileva la temperature delle gomme e, se necessario, attiva schizzi d’acqua destinati ad evitarne il surriscaldamento. Il sistema, però, è stato sviluppato per funzionare anche al contrario, cioé può scaldare l’acqua che, una volta spruzzata, porta le gomme alla temperatura corretta di funzionamento in caso di clima particolarmente freddo. È possibile anche l’adozione di un serbatoio in grado di iniettare il liquido anticongelamento.

Difficile dire se questa idea arriverà sui modelli di serie, ma intanto il costruttore tedesco ne ha cautelativamente tutelato i diritti, forse anche dopo il contenzioso tedesco causato dall’air scarf, ovvero il dispositivo che dirige aria calda sul collo degli occupanti delle vetture decappottabili. Del resto, Google ha fatto recentemente lo stesso per il sistema adesivo di sicurezza applicato sul cofano dell’auto destinato a “trattenere” i pedoni eventualmente investiti per evitare loro di venire ulteriormente sballottati. E, come abbiamo ricordato, Toyota aveva depositato a fine 2014 in Usa il brevetto di una “macchina volante”, dotata di generose ali pieghevoli, i cui disegni sono stati diffusi proprio dall’ufficio brevetti americano in giugno.

Articoli precedente

Yellow in TV: puntata del 16 maggio 2016

Articolo successivo

Manutenzioni e riparazioni auto, nel 2015 spesi 28,4 miliardi