Home»News»Porte Aperte per la Stelvio a trazione posteriore: 3.500 euro in meno

Porte Aperte per la Stelvio a trazione posteriore: 3.500 euro in meno

0
Condivisi
Pinterest Google+

Il nuovo prezzo d’ingresso dell’Alfa Romeo Stelvio è 47.300 euro ed è riferito alla versione a trazione posteriore equipaggiata con l’annunciato motore diesel 2.2 da 180 CV abbinato alla trasmissione automatica a 8 rapporti. Con questa unità, Alfa Romeo Stelvio costa 3.500 euro in meno rispetto al precedente entry level in allestimento Business con trazione integrale.

Il protagonista del “porte aperte” di questo fine settimana (sabato 8 e domenica 9 aprile) è il primo propulsore della gamma Stelvio proposto con la sola trazione posteriore: “Una scelta progettuale che assicura prestazioni elevate, grande divertimento ed emozioni alla guida, oltre ad essere un tributo alle radici più autentiche del mito Alfa Romeo”, fa sapere il costruttore.

Oltre alla “limatura” del prezzo, questa versione offre anche un’efficienza superiore, con consumi dichiarati nel ciclo misto pari a 4,7 l/100 km, il che poi si traduce in emissioni di CO2 di 124 g/km. La velocità massima è di 210 km/h, mentre lo spunto da 0 a 100 km/h avviene in 7,6 secondi.

A listino entra anche il motore benzina 2.0 turbo da 200 CV abbinato al cambio automatico a 8 marce e alla trazione integrale Q4. L’unità a quattro cilindri sviluppa 330 Nm di coppia e consuma 7 litri/100 km. La velocità di punta è di 215 km/h, mentre l’accelerazione 0-100 è di 7,2 secondi.

I motori della Stelvio sono fabbricati in Italia, dove il modello è stato disegnato e sviluppato: a Termoli quelli a benzina ed a Pratola Serra quelli a gasolio. Tra le novità, Alfa Romeo Stelvio offre anche due nuovi interni, uno color cioccolato e l’altro sportivo che comprende inserti in alluminio, volante in pelle e sedili sportivi in pelle riscaldati ad alto contenimento, con regolazione elettrica a 6 vie e fianchetti regolabili elettricamente.

Articoli precedente

Vendite Tesla, Alfa Romeo, Lexus e Jaguar lievitano in Germania

Articolo successivo

Toyota e BikeMi protagoniste sulle strade del Fuorisalone 2017