Home»News»Citroën C3 Origins: un modello speciale che celebra i 100 anni del marchio

Citroën C3 Origins: un modello speciale che celebra i 100 anni del marchio

1
Condivisi
Pinterest Google+

C3 Origins: stilosa ed esclusiva

Citroën C3 rappresenta la best seller del brand, con oltre 530 mila vendite dal lancio (2016), di cui quasi 92 mila in Italia. La personalizzazione è uno dei suoi punti di forza, con 36 combinazioni possibili per la carrozzeria, 3 tetti bicolore e 4 ambienti interni, che permettono a ognuno di scegliere l’auto che esprime il proprio stile. Ora debutta la versione C3 Origins, con cui Citroën festeggia il suo centesimo anno di attività industriale.

C3 Origins rientra all’interno della gamma trasversale “Origins” che riguarda diversi modelli, secondo i mercati, che rappresentano l’identità prodotto Citroën. In particolare, l’edizione limitata presenta elementi grafici color bronzo, che richiamano gli ingranaggi a cuspide (chevron), all’origine della storia della Marca. Elementi che si ritrovano in diversi elementi come, per esempio, sulle calotte degli specchietti. La personalizzazione comprende inoltre specifici cerchi in lega 17” Cross Black e una decorazione centrale ad hoc per il tetto.

A bordo, questa serie si distingue per i rivestimenti in tessuto Grigio Chiné con impunture Gold e personalizzazione “Origins”, per la plancia rivestita in TEP Mistral e per i tappetini anteriori specifici, a cui è abbinato il volante in pelle. C3 Origins offre tutti gli equipaggiamenti della versione top di gamma, la Shine. In aggiunta opzionale sono presenti anche: telecamera di retromarcia, Citroën Connect Box con Pack SOS, Connect Nav e Active Safety Brake, Driver Attention Alert. Le motorizzazioni a cui si può abbinare sono tre: PureTech 82 S&S, PureTech 110 S& e BlueHDi 100 S&S.

Citroen C3 Origins

Ecco il listino prezzi della serie speciale:

Citroen C3 Origins

Articoli precedente

LEGO presenta un kit dedicato alla Ford Mustang del 1967

Articolo successivo

Nuova puntata TV: Speciale Salone di Ginevra 2019, seconda parte