Home»News»Citroen C5 Aircross, il primo suv del Doppio Chevron ibrido plug-in

Citroen C5 Aircross, il primo suv del Doppio Chevron ibrido plug-in

0
Condivisi
Pinterest Google+

Citroen C5 Aircross, il primo suv del Doppio Chevron ibrido plug-in

Il nuovo suv Citroen C5 Aircross sarà il primo modello del Doppio Chevron disponibile anche in versione Plug-in Hybrid (PHEV). Il veicolo transalpino esordirà alla fine di quest’anno, mentre la declinazione ricaricabile arriverà alla fine del 2019.

Bagagliaio “best in class” per il suv francese

Anche il costruttore francese prosegue nella sua offensiva nel segmento di maggior crescita dopo aver già lanciato gli Aircross C3 e C4. Il suv C5 era già stato presentato in Cina. Citroen C5 Aircross misura 4,5 metri di lunghezza e dispone delle sospensioni con smorzatori idraulici progressivi e dei sedili Advanced Comfort. I tre sedili posteriori singoli sono scorrevoli, ripiegabili e inclinabili. È altamente personalizzabile: le sole combinazioni esterna sono 30. Il bagagliaio viene assicurato “best in class” (tra 580 e 720 litri). Il modello offre 20 sistemi di assistenza alla guida, tra cui l’Highway Driver Assist, dispositivo di guida autonoma di livello 2, o il Grip Control con Hill Assist Descen.

Citroen C5 Aircross prodotto in Francia ed esportato in 90 paesi

Il Doppio Chevron anticipa anche 6 tecnologie di connettività, tra cui la ricarica wireless per smartphone. Guidatore e passeggeri dispongono uno schermo digitale da 12,3’’ e di un Touch Pad da 8’’. Esteticamente anche il nuovo Citroen C5 Aircross si distingue per gli ormai classici Airbump e per le generose ruote da 720 millimetri di diametro. Il veicolo è un potenziale vero suv con i suoi 23 centimetri di altezza da terra. Sotto il cofano dispone di unità benzina e diesel con potenze comprese fra i 130 ed i 180 CV. L’aggiornato suv sarà prodotto in Francia, a Rennes, e verrà commercializzato in oltre 90 paesi.

Articoli precedente

Mondialparis, in ottobre il salone degli assenti. Che vanno da FCA a VW

Articolo successivo

Ennesimi aumenti per benzina e diesel, ormai quasi un "bene rifugio"