Home»News»Citroën SpaceTourer 4X4 Ë concept, il van che vuole diventare suv

Citroën SpaceTourer 4X4 Ë concept, il van che vuole diventare suv

0
Condivisi
Pinterest Google+

Il concept Citroën SpaceTourer 4X4 Ë è una delle novità del prossimo Salone di Ginevra (9-19 marzo 2017). Declinazione automobilistica dell’offerta glamour lifstyle a tiratura limitata della casa del Doppio Chevron, il prototipo del van guadagna la trazione integrale sviluppata in collaborazione con Automobiles Dangel (già disponibile a richiesta presso la rete) oltre a dispositivi di protezione ed elementi grafici all’esterno.

Con Citroën SpaceTourer 4X4 Ë Concept, il costruttore francese prova a coniugare il meglio dei van e dei suv. Sono specifiche le protezioni anteriori e posteriori, oltre alle barre al tetto con effetto alluminio satinato. Il logo “4X4” compare sui retrovisori laterali e a livello del portellone. Di profilo e sul cofano sfoggia un camouflage rivisitato in sfumature di grigio Tecnico e rialzato da una trama adesiva di colore rosso. I cerchi cromati scuri sono da 19 pollici.

Il van è disponibile in tre dimensioni: XS (4,6 metri di lunghezza e fino a 9 posti), M e XL per, informa una nota, “soddisfare le esigenze delle famiglie moderne e dei professionisti”. Anche in versione 4X4 by Dangel, il van/suv non supera i 2 metri di altezza. La distanza dal suolo è superiore di 6 centimetri allo SpaceTourer “normale”. Per questo Citroën SpaceTourer 4X4 Ë Concept è equipaggiato con l’unità Diesel BlueHDi 150 S&S con cambio manuale 6 marce.

A bordo ci sono vani portaoggetti per un totale di 74 litri. In termini di volume di carico, Citroën SpaceTourer 4X4 Ë Concept può raggiungere i due metri cubi in configurazione a 4 posti. Il modello monta il sistema di navigazione connessa 3D Citroën Connect Nav a riconoscimento vocale e con touch screen da 7”, il Mirror Screen, l’Head Up Display, il Top Rear Vision, la funzione di sorveglianza dell’angolo morto ed altri sistemi di assistenza alla guida (avviso di superamento involontario della linea di carreggiata, Active Safety Brake, allarme rischio di collisione e regolatore di velocità adattativo).

Articoli precedente

GM potrebbe cedere Opel, Groupe PSA conferma colloqui

Articolo successivo

Mini Countryman: i prezzi dell'ibrida (e della supersportiva)