Home»News»Toyota a zero emissioni, al Tokyo Motor Show citycar elettrica da 60 km/h

Toyota a zero emissioni, al Tokyo Motor Show citycar elettrica da 60 km/h

0
Condivisi
Pinterest Google+

Toyota a zero emissioni, al Tokyo Motor Show citycar elettrica da 60 km/h

Duecentoquarantanove centimetri: tanto misura la citycar elettrica di Toyota. Il colosso nipponico la presenta in anteprima mondiale al Tokyo Motor Show, aperto al pubblico tra il 24 ottobre ed il 4 novembre. Pioniere dell’ibrido, il costruttore giapponese punta alla mobilità urbana con una citycar elettrica (più corta della smart) accreditata di una velocità massima di 60 km/h e di un’autonomia di circa 100 chilometri.

Due posti e servizi che vanno dalla ricarica all’assicurazione

L’impostazione è decisamente diversa a quella di altre case generaliste, che puntano a prestazioni ben diverse. A quanto pare, però, Toyota intende avviare la commercializzazione del nuovo modello già nel corso dei primi mesi del 2020. Il lancio della citycar elettrica a due posti sarà accompagnato da soluzioni per il suo impiego, a cominciare da una serie di servizi che vanno dalla ricarica all’assicurazione. Il debutto della microcar a zero emissioni segna una svolta, perché Toyota ha sempre dimostrato un certo “disinteresse” per l’alimentazione completamente elettrica.

La svolta di Toyota, citycar elettrica e batterie allo stato solido

Ma evidentemente qualcosa è cambiato. Dal 2016 ad esempio una specifica divisione alla cui guida c’è lo stesso Akio Toyota, il numero uno del colosso, si occupa di auto a batteria. Anche perché se veramente Toyota è riuscita a sviluppare le batterie allo stato solido si troverebbe con un vantaggio competitivo importante. I rivoluzionari accumulatori, che nelle previsioni più ottimistiche potrebbe andare in produzione verso la metà del prossimo decennio, potrebbero venire esibiti dalla casa nipponica già l’anno prossimo.

Articoli precedente

Volvo XC40 Recharge, il suv elettrico da 400 km di autonomia (WLTP)

Articolo successivo

A Melfi le plug-in Jeep Compass e Renegade, primi test sulla produzione