Home»News»CR-V, il primo hybrid suv “europeo” Honda macina quasi 19 km per litro

CR-V, il primo hybrid suv “europeo” Honda macina quasi 19 km per litro

0
Condivisi
Pinterest Google+

CR-V, il primo hybrid suv “europeo” Honda macina quasi 19 km per litro

La tecnologia ibrida di Honda arriva in Europa sotto il cofano del rinnovato CR-V, da anni il suv più venduto al mondo. La produzione di questa nuova variante comincerà a ottobre, mentre le prime consegne sono previste a partire dal 2019. Il costruttore ha ufficializzato consumi ed emissioni: 5,3 l/100 km e 120 g/km di CO2 a due ruote motrici. La variante a trazione integrale arriva a 5,5 l/100 km ed a 126 g/km di Co2.

Tre modalità di guida per il suv ibrido Honda

Il sistema i-MMD messo a punto da Honda si basa su due motori elettrici, uno a benzina a ciclo Atkinson da 2.0 litri ed un’innovativa trasmissione diretta. Il CR-V Hybrid da 184 CV e 315 Nm di coppia disporrà di tre modalità di guida: EV Drive, in cui il sistema di batterie agli ioni di litio alimenterà il propulsore elettrico (motore a benzina spento), Hybrid Drive, in cui il propulsore termico alimenterà il secondo motore generatore che integra l’energia elettrica fornita dal sistema di batterie ed Engine Drive, in cui un meccanismo di blocco frizione creerà una connessione diretta tra il motore a benzina e le ruote.

Display con interfaccia di Informazione del Conducente

Quest’ultima modalità è la più efficiente per autostrade ed alte velocità. Quando il CR-V Hybrid viene guidato ad andature moderate, la tecnologia opterà generalmente per la soluzione EV Drive per oltre la metà del tempo. Tra le altre soluzioni avanzate, Honda ha equipaggiato il suv con il display con Interfaccia di Informazione del Conducente (DII, Driver Information Interface). Sullo schermo verranno indicati il livello di carica della batteria, il grafico del flusso di energia in uso e lo stato di ricarica del sistema.

Articoli precedente

Il Motor Show trasloca a Modena in maggio come Festival Terra dei Motori

Articolo successivo

I rincari si sono fatti attendere 24 ore: su i prezzi di IP, Q8 e Italiana Petroli