Home»News»Il Covid-19 ha dimezzato il mercato dell’auto in Europa in maggio

Il Covid-19 ha dimezzato il mercato dell’auto in Europa in maggio

0
Condivisi
Pinterest Google+

L’Europa dell’auto è uscita dimezzata dalla pandemia nel mese di maggio. Secondo i dati dell’ACEA, l’associazione dei costruttori che opera nel Vecchio Continente, il calo dei volumi è stato del 56,8% lo scorso mese (-52,3% nella sola Unione Europea, 27 stati). In maggio nei paesi dell’UE, dell’EFTA e nel Regno Unito sono state immatricolate quasi 624.000 auto nuove.

Contrazioni molto più importanti in Spagna e Regno Unito, -72,7 e -89%

Nello stesso periodo di un anno fa erano state 1,444 milioni. Il dato è in linea con quello di alcuni mercati principali come come Francia (-50,3%), Italia (-49,6%) e Germania (-49,5%). La Spagna ed il Regno Unito hanno contabilizzato flessioni molto più pesanti: -72,7% e -89%. Il bilancio dei primi cinque mesi sempre pesante: -41,5% nei mercati UE e -42,8% compresi UK e EFTA. Nè in maggio né dall’inizio dell’anno ci sono più paesi senza segno “-“. Cipro, con 729, auto targate, è stato il mercato che ha ceduto meno nel mese, -29,4%.

In maggio in Europa solo Porsche e Mitsubishi hanno perso meno della metà

Da gennaio in poi, invece, la Finlandia ha contenuto la flessione a poco meno del 21%. Più in generale anche gli altri paesi scandinavi sono riusciti ad evitare il crollo con perdite non superiori al 31%. Anche fra i singoli marchi, maggio è stato “pesante”. In Europa, solo Porsche (-47,4%) e Mitsubishi (-48,1%) sono riusciti ad evitare il dimezzamento dei volumi. FCA ha guadagnato quote con il 7,1% perdendo il 56,6%. Il gruppo Volkswagen ha ceduto praticamente lo stesso in termini di volumi ed è il primo in Europa con il 25% di penetrazione contro il 15,3% di Groupe PSA (era al 16,4% un anno fa).

DS cede “solo” il 9,3% da inizio anno. Aumenta il divario fra i gruppi VW e PSA

Il bilancio da inizio anno continua a “premiare” DS che con poco meno di 16.500 immatricolazioni ha contabilizzato una contrazione di appena il 9,3%. Porsche, con oltre 22.700 auto consegnate, ha perso il 26,8%, ma è il secondo costruttore come risultati. Tesla non è inclusa nelle statistiche dell’ACEA. In cinque mesi il gruppo tedesco ha ampliato la forbice con quello francese passando dal 24,4 al 26,2% di penetrazione Groupe PSA è invece sceso dal 16,5% al 14,8%.

Articoli precedente

Le 10 cabrio e spider più vendute in Italia

Articolo successivo

Benzina e diesel, secondo aumento dei prezzi di Eni nel mese di giugno