Home»News»Crash test EuroNcap 2020, auto sicure anche con i parametri più severi

Crash test EuroNcap 2020, auto sicure anche con i parametri più severi

0
Condivisi
Pinterest Google+

La pandemia del 2020 ha decimato i crash test condotti nell’ambito del programma EuroNcap che valuta la sicurezza dei veicoli nel Vecchio Continente e di cui fa parte anche l’Automobile Club d’Italia (ACI). Lo scorso anno sono state analizzate 11 auto, contro i 55 del 2019. l’EuroNcap ha diffuso un rapporto con il quale fa il bilancio dell’attività del 2020, riferendo di “ottimi risultati nonostante i protocolli più severi”. L’82% dei veicoli testati (9) ha ottenuto il punteggio massimo, ossia le cinque stelle. Un veicolo si è fermato a quattro ed un altro non è andato oltre le tre.

Laboratori di prova chiusi fino allo scorso giugno

I laboratori di prova sono rimasti chiusi fino a giugno e le stesse case hanno rinviato il lancio di nuovi modelli. Di seguito le principali modifiche ai test. Si tratta dell’adozione di una nuova barriera mobile per il crash test frontale e dell’aumento della massa e della velocità della prova dell’urto laterale, inclusa l’interazione tra conducente e passeggero anteriore. Poi ci sono nuovi e più severi scenari nella valutazione delle tecnologie di protezione degli utenti vulnerabili (ad esempio la manovra di svolta alle intersezioni), l’analisi dei sistemi di monitoraggio della condizione psico-fisico del conducente (Attention Assistance) e delle informazioni utili nel post-incidente contenute nella Rescue Sheet.

Trasmporter, Vito e Transit promossi dai crash test EuroNcap

I soccorritori che intervengono sul luogo del sinistro dispongono dell’app “Euro Rescue” con le informazioni relative a tutte le autovetture commercializzate nel Vecchio Continente. Sul fronte della sicurezza, diversi nuovi ADAS hanno trovato spazio a bordo delle auto nuove. Tra questi, in particolare, gli airbag centrali per la protezione degli urti tra conducente e passeggero. Ma ci sono anche le tecnologie di monitoraggio dell’attenzione del conducente e gli AEB (Autonomous Emergency Breaking) di terza generazione. Lo scorso anno sono stati sottoposti ai crash test anche 19 veicoli commerciali inferiori alle 3,5 tonnellate. Dal rapporto emerge che i migliori sono il Volkswagen Transporter, il Mercedes Vito e il Ford Transit.

Articoli precedente

PSA, vendite di auto elettriche a batteria lievitate del 1300% nel 2020

Articolo successivo

Eni rincara il diesel, è il quinto aumento del 2021 della società italiana