Home»News»Suv a cinque stelle nei crash test: Evoque e, con il safety pack, C5 Aicross

Suv a cinque stelle nei crash test: Evoque e, con il safety pack, C5 Aicross

0
Condivisi
Pinterest Google+

Suv a cinque stelle nei crash test: Evoque e, con il safety pack, C5 Aicross

Cinque modelli a cinque stelle: quest’anno, almeno finora, tutti i modelli sottoposti ai crash test EuroNCAP hanno conseguito il punteggio massimo. La Citroen C5 Aircross, in realtà, le ha ottenute ai “supplementari”, cioè con il “safety pack”. Con la dotazione di serie il modello del Doppio Chevron è arrivato a quattro stelle. La Range Rover Evoque ha superato le prove con il miglior punteggio assegnato finora per la protezione dei bambini, 87%.

La Range Rover Evoque ha confermato il punteggio massimo del 2011

Gli ultimi crash test EuroNCAP ribadiscono l’importanza del sistema di frenatura automatica AEB“, ha sottolineato Angelo Sticchi Damiani, presidente dell’ACI, che fa parte del programma per la valutazione degli standard di sicurezza. Il numero uno dell’Automobile Club ha rilevato come “solo i veicoli dotati di questa tecnologia ADAS ottengono le cinque stelle”. La Range Rover Evoque ha confermato la valutazione massima del 2011 anche con i nuovi e più severi protocolli. Molte le eccellenze: dal freno automatico di emergenza (AEB) in ambito urbano e urto contro la barriera laterale. Le “piccole criticità” riguardano la prova del colpo di frusta per i passeggeri posteriori e in quella dell’AEB con il ciclista.

Alla Citroen C5 Aircross la più alta percentuale sui sistemi di sicurezza aggiuntivi

La Citroen C5 Aircross ha ottenuto le cinque stelle con il “safety pack” che, appunto, include la frenata automatica di emergenza. Tanto che nella valutazione sui sistemi aggiuntivi il modello del Doppio Chevron è stato quello che ha guadagnato il punteggio più alto (82%) fra quelli esaminati nel 2019. Per la protezione di tibia e torace del conducente e per la testa del passeggero posteriore sono state evidenziate “piccole criticità”. Anche questa tornata di prove ha spinto l’ACI a sostenere “la necessità dell’obbligo dell’AEB su tutti i veicoli nuovi”.

Articoli precedente

FCA supporta “Science Gateway”, l’innovativo progetto del CERN

Articolo successivo

Opel GT X Experimental: l'originale concept si mostra in video