Home»News»Bmw Z4 e Mercedes CLA “star” della nuova tornata di crash test EuroNcap

Bmw Z4 e Mercedes CLA “star” della nuova tornata di crash test EuroNcap

0
Condivisi
Pinterest Google+

Bmw Z4 e Mercedes CLA “star” della nuova tornata di crash test EuroNcap

Sicurezza a cinque stelle di serie sugli ultimi sette modelli sottoposti ai crash test EuroNcap, il programma di valutazione del Vecchio Continente sostenuto anche dall’Automobile Club d’Italia. Hanno superato a pieni voti le verifiche la Audi A1, la Bmw Z4, la Ford Focus, le Mercedes CLA e EQC, la Skoda Kamiq e la SsangYong Korando.

crash test

Dall’inizio dell’anno solo auto con sicurezza a cinque stelle

Dall’inizio dell’anno, del resto, appena tre vetture non sono riuscite a centrare le cinque stelle con l’equipaggiamento standard, anche se poi ci sono riuscite grazie al Safety Pack opzionale. Angelo Sticchi Damiani, presidente dell’ACI, ha evidenziato come se “anche un modello spider riesce ad ottenere le 5 stelle e garantire un’adeguata protezione alle persone a bordo” significa che “i costruttori hanno a disposizione soluzioni e tecnologie che possono contribuire a alzare il livello di sicurezza delle autovetture“. Il presidente ha tuttavia invitato a “non abbassare mai la guardia e continuare ad investire in sicurezza”.

La Audi A1 primeggia ai crash test per i sistemi di assistenza

Con il 97%, la Bmw Z4 ha ottenuto la miglior valutazione per la protezione degli adulti, precedendo di poco la Focus, le due Mercedes e la Kamiq. Sul fronte della protezione dei bambini, la CLA è risultata la più affidabile con il 91%, seguita dall’elettrica EQC con il 90%. Le due tedesche – la Z4 e la CLA – hanno anche totalizzato un ex aequo di altissimo livello (91%, il punteggio più alto del 2019 ed il secondo considerando anche il 2018, 92% per la Mercedes Classe A) per la protezione dei pedoni e dei ciclisti. La Audi A1, infine, ha primeggiato sul versante dei sistemi di assistenza (80%). Ogni modello ha rivelato qualche criticità, ma i progressi sono evidenti. Anche perché l’Unione Europea renderà obbligatoria l’installazione (di serie) di diversi dispositivi.

Articoli precedente

Sfida a celle combustibile di Flixbus: corriere con 500 km di autonomia

Articolo successivo

Ford all'IAA con suv e crossover ibridi all'insegna del motto "Go Electric"