Home»News»Il crossover di Coventry si chiamerà Aston Martin DBX, ecco le prime foto

Il crossover di Coventry si chiamerà Aston Martin DBX, ecco le prime foto

0
Condivisi
Pinterest Google+

Il crossover di Coventry si chiamerà Aston Martin DBX, ecco le prime foto

Aston Martin DBX: adesso anche il nome del crossover del costruttore britannico di Coventry è ufficiale. Il concept risale ormai a 3 anni fa, quando venne presentato dal Salone di Ginevra 2015 come possibile variante GT. Malgrado avesse fatto tutelare il nome Varekai, Aston Martin ha poi optato per la sigla DBX.

In produzione dalla fine del 2019 nel sito di St. Athan

La lettera “V” come iniziale avrebbe consentito di portare avanti la tradizione tenuta in vita con la Vulcan e la Valkyrie. Malgrado la Brexit, la Aston Martin DBX significa l’apertura di un secondo sito produttivo, a St. Athan, e fino a 750 posti di lavoro. Il crossover dovrebbe andare in produzione entro la fine del 2019 con una carrozzeria a 4 porte. Lo sportivo e futuristico prototipo del 2015 ne aveva appena due.

Aston Martin DBX per il momento sena plug-in

Sotto il cofano potrebbero esserci il V12 da 5.2 litri oppure il biturbo da 4-0 litri a otto cilindri, entrambi a benzina. Non a caso Stati Uniti e Medio Oriente dovrebbero essere tra i mercati principali. Andy Palmer, il Ceo del marchio, ha escluso l’ipotesi di una variante ibrida plug-in. A Ginevra, il concept a trazione disponeva di un non meglio precisato motore elettrico. Considerata l’annunciata svolta “green” della casa britannica la Aston Martin DBX disporrà anche di un’unità a zero emissioni.

Articoli precedente

Classe E All-Terrain 4x4 al quadrato, la wagon che arriva ovunque

Articolo successivo

Yellow in TV: Speciale EICMA 2018