Home»News»Daihatsu con quattro concept per la mobilità urbana al Tokyo Motor Show

Daihatsu con quattro concept per la mobilità urbana al Tokyo Motor Show

0
Condivisi
Pinterest Google+

Daihatsu con quattro concept per la mobilità urbana al Tokyo Motor Show

Al Tokyo Motor Show, Daihatsu, uno dei marchi controllati da Toyota, esibisce una serie di colorati concept (apparentemente elettrici) che sembrano poter ampliare l’offerta della classe delle cosiddette Kei Car. Tra l’altro in qualche modo anche ispirati a modelli molto di moda in Europa come i suv ed i crossover. Per il Giappone, le misure compattissime sono strategiche.

Spazio anche sotto il tetto per la Daihatsu Waku Waku

Il prototipo Daihatsu Waku Waku, ad esempio, è particolarmente interessante e in qualche modo ricorda anche il concept Toyota FT-X4. Le portiere posteriori sono senza finestrini e sotto il tetto è stato ricavato un ulteriore spazio per alloggiare bagagli. Un modello estremamente modulabile, anche se senza misure è difficile valutare la sua abitabilità. Al posto del divano posteriore, c’è una panca a ribalta, eventualmente utilizzabile per alloggiare passeggeri.

Wai Wai e Ico Ico, nuovi prototipi per il trasporto persone

Con il prototipo Wai Wai, Daihatsu propone una sorta di microvan bicolor a sei posti, disposti su tre file. L’accesso alla terza non sembra troppo agevole. In realtà, le portiere posteriori hanno una cerniera che consentono l’apertura a 180°, mentre quelle anteriori si fermano a 90°. Per garantire una sensazione di spaziosità, il tetto è apribile e ripiegabile in due parti. Ico Eco è un minibus eventualmente anche a guida autonoma. I passeggeri possono viaggiare su varie file di sedili, oppure accomodati frontalmente.

Concept tuttofare per i servizi urbani Tsumu Tsumu

L’abitacolo flessibile permette anche a viaggiatori a mobilità ridotta di trovare spazio a bordo. Tsumu Tsumu è, infine, un veicolo per gli impieghi più squisitamente urbani che può anche trasportare un drone. Dalla raccolta delle immondizie al trasporto di materiali fino ai soccorsi, il mezzo può disporre anche di un secondo posto all’anteriore. Il sedili è tuttavia ripiegabibile e lo spazio può venire impiegato in altro modo.

 

Articoli precedente

Pop-Up Next, Audi resta a terra: non decolla il progetto del taxi volante

Articolo successivo

Auto elettriche, crolla mercato cinese: il governo ha tagliato gli incentivi