Home»News»Svolta a Stoccarda, Daimler ferma lo sviluppo dei motori a combustione

Svolta a Stoccarda, Daimler ferma lo sviluppo dei motori a combustione

2
Condivisi
Pinterest Google+

Svolta a Stoccarda, Daimler ferma lo sviluppo dei motori a combustione

Almeno per il momento, Daimler sospenderà lo sviluppo dei motori a combustione. Lo scrive la rivista tedesca Auto Motor und Sport, che ha parlato con Markus Schäfer, responsabile della Ricerca e Sviluppo del costruttore di Stoccarda. Una decisione analoga, anche se più draconiana, era stata già adottata da Volvo per quanto riguarda i motori a gasolio.

Come Volkswagen, anche la casa con la Stella punta sull’elettrico

La stessa Volkswagen aveva fissato il 2026 come ultima scadenza per l’adozione di una nuova piattaforma destinata a motori a combustione. L’ultima auto alimentata da un propulsore termico dovrebbe venire prodotta nel 2040 dal colosso di Wolfsburg. Ma l’industria dell’auto si sta rivelando piuttosto flessibile. Pur essendoci una chiara tendenza all’elettrificazione, i dati dicono che con le tecnologie attuali le batterie non rappresentano affatto la soluzione al problema ambientale. Non nel suo complesso, almeno. Anche Daimler, come Volkswagen, ha deciso di puntare sulle unità elettriche.

Mercedes ha appena lanciato nuovi motori a combustione

Per questo ha deciso di accantonare, per il momento provvisoriamente, lo sviluppo dei motori a combustione. Che, del resto, sono appena stati rinnovati con una serie di raffinati ed evoluto accorgimenti che dovrebbero renderli “sostenibili” per qualche anno. E, infatti, il nuovo sei cilindri in linea montato sulla Classe e sulla Classe E e sui nuovi suv continuerà a venire fabbricato per parecchio tempo. Attualmente, ha spiegato il manager, non ci sono piani per lo sviluppo di nuove unità. Naturalmente non è escluso che Daimler posso rivedere la strategia e tornare ad occuparsi anche di nuovi motori a combustione.

 

 

Articoli precedente

Mitsubishi L200, fuoristrada in Andalusia con la sesta generazione

Articolo successivo

Primi ribassi di IP e Italiana Petroli dopo gli attacchi ai pozzi dell'Arabia