Home»News»Daimler sceglie Zetsche per il dopo Zetsche. Poi Kaellenius, forse

Daimler sceglie Zetsche per il dopo Zetsche. Poi Kaellenius, forse

0
Condivisi
Pinterest Google+

Il Consiglio di Sorveglianza di Daimler ha deciso: Dieter Zetsche succede Dieter Zetsche e, probabilmente, anche che Källenius succederà a Zetsche. La prima cosa è certa, perché Manfred Bischoff, il presidente del CdS, ha ufficializzato il prolungamento del contratto (peraltro scontato, visto che l’intenzione era stata già annunciata agli azionisti lo scorso anno) all’attuale CEO della società di Stoccarda per altri 3 anni, cioè fino al 31 dicembre del 2019. La ragione è semplice: il successo di Daimler, che non aveva mai raggiunto questi livelli prima d’ora. “Questo dimostra che persegue ed implementa la strategia giusta”, ha dichiarato Bischoff. Dieter Zetsche, che attualmente preside anche l’ACEA, ha 62 anni e fino alla fine del 2019 resterà non soltanto a capo di Daimler, ma anche numero uno di Mercedes-Benz Cars. Il contratto sarebbe scaduto al 31 dicembre del 2016. Zetsche guida Daimler dal gennaio del 2006.

La seconda successione è invece un’ipotesi, ma la nomina del giovane manager svedese Ola Källenius, 46 anni, a responsabile della ricerca e dello sviluppo delle auto con la Stella rappresenta una sorta di investitura a medio termine. Dal 2017 Källenius prenderà il posto di Thomas Weber che dopo 12 anni lascerà l’incarico (“dietro propria richiesta”, precisa una nota). Con la scadenza del contratto alla fine del 2016 lascerà anche la società, anche se continuerà a collaborare in veste di consulente. La delicatezza dell’incarico, abbinata ai risultati ottenuti in questi anni come responsabile Mareketing e Vendite della divisione Cars di Mercedes-Benz ed all’età sembrano fare di Källenius (in Daimler dal 1993, il suo curriculum in questo link prima della deisgnazione alla R&D) il candidato ideale alla successione di Zetsche.

Articoli precedente

Alpine Vision, torna la sportiva a motore centrale e trazione posteriore

Articolo successivo

Castagna e il piccolo yacht su ruote: Fiat 500L Living Tiberio