Home»News»Danisi Engineering: più efficienza grazie ai simulatori

Danisi Engineering: più efficienza grazie ai simulatori

9
Condivisi
Pinterest Google+

Un nuovo capitolo si apre nella pluridecennale storia della Danisi Engineering. Alle porte di Torino, nella sede di Nichelino (una seconda è a Modena), è stato inaugurato l’Advanced Vehicle Dynamics Center. Qui, grazie all’utilizzo di due nuovi simulatori di guida allo stato dell’arte, Case automobilistiche, team Motorsport e centri di ricerca potranno avere tutto il supporto necessario per la definizione e la messa a punto della dinamica di guida delle vetture.

Da più di vent’anni la Danisi Engineering, con il suo team di esperti (oggi una settantina) si occupa dello sviluppo di nuovi veicoli: dal design alla progettazione, fino ai test e alla validazione finali. Se non avete sentito parlare prima di questa azienda, una delle eccellenze italiane, sicuramente vi ricorderete della New Stratos, la one-off costruita sulla base di una Ferrari 430, realizzata e sviluppata proprio dall’azienda torinese (nella foto sotto). Oppure della Kia Rio WRX da 600 cv che Gigi Galli guida nel Campionato RallyCross… Ma questi sono solo alcuni dei tanti progetti seguiti dalla Danisi Engineering, che vanta anche una pluriennale collaborazione con il gruppo FCA per il comparto delle sospensioni.

lancia-new-stratos_8

Come dicevamo, l’utilizzo dei simulatori apre un nuovo capitolo per l’azienda torinese che potrà offrire principalmente alle Case automobilistiche tempi di sviluppo “tagliati” del 40% e una riduzione dei costi di progettazione e verifica delle auto, soprattutto per quanto riguarda la fase di messa a punto e dei lunghi e costosi test stradali. Un tema di estrema attualità per tutti quei Costruttori che stanno sviluppando sistemi di guida autonoma e assistenza alla guida. Come affermato dall’ Ing. Giacomo Danisi, amministratore delegato dell’azienda, “la scelta di investire su queste tecnologie e su questi processi è dettata dalla nostra visione sull’evoluzione di medio-lungo periodo, che vedranno una quantità sempre maggiore di attività di sviluppo e validazione sui sistemi ADAS e sulle soluzioni di Self Driving. Oggi siamo l’unica società di ingegneria indipendente al mondo a poter vantare un centro di sviluppo di questo livello”.

Nel dettaglio, il nuovo Advanced Vehicle Dynamics Center della Danisi Engineerig si compone di due simulatori guida, uno statico e uno dinamico, forniti dalla VI-Grade (azienda leader del settore). Entrambi i simulatori utilizzano uno schermo da 7 metri di diametro e tre proiettori che permettono di ricreare nel modo più fedele diversi percorsi, dalle strade extraurbane alle autostrade fino alle piste (ma possono essere creati ad hoc) e condizioni climatiche. In quello statico viene posizionata l’auto (o il prototipo) che viene collegato al computer, mentre in quello dinamico una pedana mobile (con attuazioni elettriche e movimenti su cuscinetti ad aria) permette di utilizzare abitacoli realistici delle vetture e riprodurre accelerazioni di 2,5g orizzontali e 3,5g verticali. Uno strumento ideale per le Case automobilistiche che possono replicare la dinamica delle vetture e sperimentare modifiche in tempi molto rapidi e per i team Motorsport che possono far conoscere ed esercitare i piloti più giovani su piste magari a loro sconosciute.

Articoli precedente

Honda HR-V, al volante della versione diesel da 120 CV

Articolo successivo

Tesla, la regina dei tweet, nei "guai" per via di un post