Home»News»Luca de Meo riorganizza il gruppo Renault, che rilancia i quattro marchi

Luca de Meo riorganizza il gruppo Renault, che rilancia i quattro marchi

0
Condivisi
Pinterest Google+

Luca de Meo, il nuovo Ceo del gruppo Renault, ha salvato il marchio Alpine. Il brand di Dieppe rilanciato solo qualche anno fa per corteggiare la nicchia di clienti che amano la sportività sembrava rischiare il “sacrificio” per consentire il risanamento della società. Il piano del gruppo Renault prevede invece una evoluzione dell’organizzazione.

“Passare dalla ricerca dei volumi a quella di valore e redditività”

In una nota, la casa della Losanga spiega di volersi concentrare sui propri marchi “riunendoli sostanzialmente in quattro business unit. Renault, Dacia, Alpine e Nuove Mobilità”. L’obiettivo è quello di creare un’organizzazione “più semplice e più orientata ai risultati, consolidando nel contempo la coesione, la motivazione e il senso di appartenenza dei team”. In futuro ogni brand dovrà disporre di un’organizzazione autonoma. “L’azienda ha bisogno di cambiare il ‘modulo di gioco’” ha sintetizzato de Meo. Che ha aggiunto come ci sia la necessità di “passare dalla ricerca dei volumi a quella del valore e della redditività“.

Renault a de Meo, Alpine a Abiteboul, Dacia a Le Volt e alla Delbos le Nuove Mobilità

“Un’organizzazione focalizzata su quattro forti Marche e grandi funzioni trasversali consentirebbe di lavorare in modo più semplice, più orientato ai mercati e ai clienti, con uno spirito di squadra, per andare alla ricerca del miglior risultato possibile“, ha aggiunto il manager italiano. Il gruppo ha anche già ufficializzato i responsabili delle quattro divisioni. Lo stesso de Meo si occuperà di Renault, Denis Le Vot, direttore Regioni, Commercio e Marketing del Gruppo, avrà la responsabilità di Dacia, Cyril Abiteboul, direttore Generale Renault Sport Racing, seguirà Alpine, mentre Clotilde Delbos, vicedirettore generale e direttore finanziario del Gruppo, nonché Ceo ad interim prima dell’arrivo di de Meo, guiderà la business unit Nuove Mobilità.

Articoli precedente

La e.Go Mobile riparte, la start-up rilevata da un fondo dei Paesi Bassi

Articolo successivo

Jeep Grand Wagoneer concept, il ritorno del suv di lusso di taglia grande