Home»News»Diesel pulito, BlueFit la soluzione Amminex per aggiornare i motori Euro 5

Diesel pulito, BlueFit la soluzione Amminex per aggiornare i motori Euro 5

1
Condivisi
Pinterest Google+

BlueFit è la “via” che conduce al diesel pulito: arriva in Francia, ma passa dalla Danimarca, dove si trova Amminex. La società è una controllata del fornitore transalpino Faurecia, il cui azionista di riferimento è il gruppo PSA (57,4%). Al Salone di Francoforte, peraltro disertato da Peugeot e da DS, verrà presentata la soluzione per l’aggiornamento dei diesel Euro 5.

Diesel pulito grazie alle cartucce di ammoniaca

Il sistema per il diesel pulito viene presentato in grado di raggiungere e perfino superare i limiti per l’omologazione Euro 6 nel ciclo reale. La tecnologia è stata sviluppata per i costruttori e prevede l’adozione di cartucce di ammoniaca e di un catalizzatore SCR. Almeno per il momento non viene immaginata una commercializzazione diretta destinata ai consumatori finali. Il BlueFit funziona anche alle basse temperature e consente di abbattere le NOx in maniera significativa. Le due cartucce di ammoniaca hanno una capacità analoga a quella di un serbatoio di 16 litri di AdBlue. L’autonomia dichiarata è di circa 15.000 chilometri, che diventano 20.000 per quei modelli in grado di ospitarne anche una terza. La sostituzione richiede due minuti di tempo in officina.

Emissioni di NOx abbattute fino al 95%

La tecnologia di Amminex è stata testata da un organismo indipendente abbinata ad una vettura equipaggiata con un motore diesel Euro 5. Con l’installazione del BlueFit, nelle prove su strada sono state rilevate emissioni di NOx attorno ai 40 mg/km. Si tratta di un valore migliore degli attuali diesel Euro 6 (80 mg/km). La percentuale di abbattimento degli ossidi di azoto ha raggiunto il 95%. I test non hanno rivelato ripercussioni negative sugli altri parametri di guida. Circa un possibile prezzo, né Amminex né Faurecia hanno voluto fornire dettagli.

Articoli precedente

GPL, è l'ora della "stangatina" di settembre: rincari di 2 cent al litro

Articolo successivo

TomTom e TripAdvisor migliorano la qualità dei viaggi. Ecco come