Home»News»Fattiva collaborazione nel dieselgate: multa di “soli” 90 milioni a Bosch

Fattiva collaborazione nel dieselgate: multa di “soli” 90 milioni a Bosch

0
Condivisi
Pinterest Google+

Fattiva collaborazione nel dieselgate: multa di “soli” 90 milioni a Bosch

La Germania continua a fare cassa con il dieselgate: altri 90 milioni di euro li riceverà da Bosch, il colosso tedesco della fornitura peer l’automotive. La Procura di Stoccarda, che pochi giorni fa aveva comminato una sanzione di 535 milioni a Porsche, ha reso noto che anche Bosch ha rinunciato all’impugnazione del provvedimento.

Secondo la Procura Bosch ha fornito 17 milioni di dispositivi “incriminati”

Che ha già riguardato Volkswagen (un miliardo dalla Procura di Braunschweig) e Audi (800 milioni da quella di Monaco di Baviera). La multa per le negligenze nel controllo è di “appena” due milioni. Gli altri 88 sono costituiscono il risarcimento per gli indebiti vantaggi ottenuti sul mercato. Nel calcolo dell’ammenda la Procura ha tenuto conto che della piena e fattiva collaborazione di Bosch dal 2015 in poi. Secondo la Procura, a partire dal 2008 Bosch avrebbe fornito 17 milioni di dispositivi per la gestione dei motori a diversi costruttori che funzionavano almeno in parte con software illegali.

Un procedimento analogo è stato aperto anche nei confronti di Daimler

Bosch ha accantonato 1,2 miliardi di euro per far fronte ad eventuali costi legati alle vertenze giudiziarie sul dieselgate. In gennaio aveva già accettato di riconoscere 27,5 milioni di dollari negli USA per aver fornito componenti a FCA. La multa tedesca non solleva de eventuali responsabilità penali i collaboratori della società. La Procura di Stoccarda ha avviato da tempo un procedimento per omessi controlli anche nei confronti di Daimler, che da due giorni ha Ola Kallenius quale nuovo Ceo. Dopo 13 anni alla guida della casa con la Stella Dieter Zetsche è andato in pensione, anche se tra qualche anno è destinato a diventare il nuovo presidente del Consiglio di Sorveglianza.

 

Articoli precedente

Due "prime volte" per Skoda: l'elettrica Citigoe iV e la plug-in Superb iV

Articolo successivo

Opel Corsa-e, Fulmine elettrico con batteria da 50 kWh garantita otto anni