Home»News»Dyson, dagli aspirapolveri all’auto elettrica: prima fabbrica a Singapore

Dyson, dagli aspirapolveri all’auto elettrica: prima fabbrica a Singapore

2
Condivisi
Pinterest Google+

Dyson, dagli aspirapolveri all’auto elettrica: prima fabbrica a Singapore

Le auto elettriche di Dyson, la società britannica che fabbrica elettrodomestici, verranno prodotte a Singapore. Dopo aver guadagnato visibilità con le prime indiscrezioni sulla possibile nuova attività, la Dyson dimostra di voler fare sul serio.

Sul mercato nel 2021 con il primo modello a zero emissioni

In dicembre comincerà a Singapore, la “tigre asiatica”, la costruzione dello stabilimento per l’assemblaggio delle nuove macchine. L’impianto dovrebbe venire completato entro il 2020. La prima elettrica dell’azienda di elettrodomestici specializzata in aspirapolveri dovrebbe arrivare sul mercato l’anno successivo. La scelta della città-stato, ha spiegato Jim Rowan, il numero uno della società, è legato sia ai fornitori sia ai possibili mercato di sbocco. Il progetto a zero emissioni della Dyson ha finora comportato un investimento di quasi 1,15 miliardi di euro.

Dyson punta sulle batterie allo stato solido

I primi 225 milioni erano stati spesi per la conversione di una pista di atterraggio in un circuito di prova. La somma è stata destinata allo sviluppo delle batterie e nella produzione del veicolo. A quest’ultima lavora un team di 400 persone. Dyson punta a mandare in pensione gli accumulatori agli ioni di litio sostituendoli con batterie allo stato solido. Inizialmente, tuttavia, l’auto elettrica della società britannica disporrà ancora dei sistemi agli ioni di litio. Il primo modello dovrebbe venire prodotto con una tiratura limitata, mentre le due successive varianti sono destinate a venire fabbricate in quantità decisamente superiori.

Articoli precedente

Problemi al climatizzatore: nuovo richiamo Bmw per 1,6 mln di auto diesel

Articolo successivo

Caterpillar investe sull'elettrico e punta su Fisker e batterie allo stato solido