Home»Electric»Elettrica senza energia, concordato preventivo per la tedesca e.Go Mobile

Elettrica senza energia, concordato preventivo per la tedesca e.Go Mobile

0
Condivisi
Pinterest Google+

La e.Go Mobile, la sola azienda tedesca a produrre esclusivamente auto elettriche, ha avviato la procedura di concordato preventivo con continuità aziendale. Lo rivela la testata KFZ Betrieb. La società, che fra gli azionisti ha la ZF Holdings e la Schuh GmbH (dal nome del professore che ha creato anche la Streetscooter), è stata fondata nel 2015 con l’obiettivo di sviluppare e produrre auto a zero emissioni a costi contenuti.

La e.Go Mobile aveva raggiunto un’intesa anche col gruppo Volkswagen

La e.Go Mobile aveva addirittura raggiunto un accordo con il gruppo Volkswagen per l’impiego della piattaforma MEB. L’intesa era stata svelata in occasione del Salone di Ginevra dal Ceo Herbert Diess. Per il primo modello, la e.Go Life, erano stati raccolti 400 ordini ed un totale di 3.100 prenotazioni: la società puntava a commercializzarne almeno 1.000 nel 2019. Mezzo migliaio quelle fabbricate, 171 le consegne della First Edition. La e.Go Life 60 attualmente configurabile costa 21.900 euro con 139 km di autonomia. Il listino parte dai 17.900 della e.Go Life 20. L’autonomia minima è di 100 chilometri con la batteria più piccola, da 14,9 kWh.

In ballo ci sono produzione della e.Go Life e 440 posti di lavoro

La e.Go Life misura 3,35 metri di lunghezza ed assicura 4 posti. I problemi di carattere economico erano già cominciati lo scorso anno. L’esercizio era stato chiuso con una perdita di 24 milioni di euro. In gennaio la e.Go Mobile aveva cercato di procurarsi capitali freschi, ma la diffusione della pandemia non sembra aver lasciato margini di manovra alla società. Che, appunto, ha avanzato la richiesta di concordato preventivo con continuità aziendale. In ballo c’è la produzione delle auto, ma ci sono anche 440 posti di lavoro. La gestione è stata affidata al commissario giudiziale Paul Fink, che lo scorso anno si era occupato (con successo) della catena di ristoranti Vapiano, ed all’amministratore Biner Bähr.

 

Articoli precedente

"Poderoso piano di ristrutturazione", ma SsangYong lancia tre auto in Italia

Articolo successivo

Audi, Hyundai, Mercedes ripartono in Ungheria, Repubblica Ceca e Austria