Home»News»Economia circolare sulla Senna, il battello con batterie Renault “riciclate”

Economia circolare sulla Senna, il battello con batterie Renault “riciclate”

0
Condivisi
Pinterest Google+

Economia circolare sulla Senna, il battello con batterie Renault “riciclate”

Economia circolare dalla strada all’acqua: da veicoli elettrici Renault al Black Swan (cigno nero), il primo battello elettrico alimentato da batterie agli ioni di litio che avevano esaurito il loro ciclo di vita iniziale. la formula trova una nuova applicazione a Parigi, la città che ospiterà le Olimpiadi del 2024, dove la Seine Alliance ha presentato l’imbarcazione. La compagnia cittadina vuole convertire la propria flotta ed elettrificarla per l’evento a cinque cerchi.

Autonomia di due ore e spazio a bordo fino a 8 persone

Il battello a zero emissioni è riservato alle crociere private o professionali sulla Senna. Questa soluzione di economia circolare è un progetto volontario di trasformazione che punta a ridurre l’impatto delle attività fluviale sull’ambiente. Black Swan ha spazio per 8 persone ed un raggio d’azione attorno alle due ore. È alimentato da due motori elettrici (20 kW di potenza massima di sistema) e non dispone né di gruppo elettrogeno né di motore termico di emergenza. Le batterie agli ioni di litio impiegate sul battello provengono da veicoli elettrici Renault, dove erano giunti “al termine della loro prima vita automobilistica”. In una nota, il costruttore chiarisce che gli accumulatori sono stati “ricondizionati” e quindi pronti per un nuovo utilizzo.

Design italiano per lo scafo “sostenibile”: è griffato da Tullio Abbate

Sul battello sono alloggiate sotto i sedili laterali dell’imbarcazione in quattro vani in acciaio inox appositamente progettati per garantire la tenuta stagna e un funzionamento in totale sicurezza. Il peso totale è di 278 kg, cioè inferiore a quello del serbatoio di carburante della variante termica dell’imbarcazione. La ricarica avviene di 2/3 ore. L’economia circolare evita il consumo di energia e di materie prime necessario alla produzione di batterie nuove. “Quest’iniziativa dimostra che, se utilizzate come unità di stoccaggio di energia in seconda vita, le batterie dei nostri veicoli elettrici rappresentano una leva essenziale per accelerare la transizione energetica“, ha sintetizzato spiega Gilles Normand, direttore Veicoli Elettrici del Gruppo Renault. Lo scafo in materiale riciclato è stato progettato dal costruttore italiano Tullio Abbate.

 

Articoli precedente

Alla Jeep Wrangler il premio SEMA "4x4 of the Year", è il decimo di fila

Articolo successivo

La "notte del Leone", Peugeot elettrifica l'Italia partendo da Milano