Home»News»Elezioni, Euronews racconta l’Europa (ancora unita) con la Hyundai Tucson

Elezioni, Euronews racconta l’Europa (ancora unita) con la Hyundai Tucson

0
Condivisi
Pinterest Google+

Elezioni, Euronews racconta l’Europa (ancora unita) con la Hyundai Tucson

Un’auto coreana con un nome americano, la Hyundai Tucson, ha attraversato l’Europa per raccontarla adesso che è ancora unita, almeno formalmente. Quasi un paradosso, perfino per i sovranisti che vogliono smantellare la visione dei fondatori dell’Unione Europea.

Il suv col divano rosso ha toccato 14 paesi in 10 settimane

Il suv specificamente attrezzato dal canale televisivo Euronews (12 edizioni, 400 milioni di abitazioni raggiunte in 160 paesi con 600 giornalisti di 30 nazionalità diverse) è stato protagonista di un’esplorazione durata dieci settimane per un totale di 10.000 chilometri. Le nazioni toccate dall’itinerario giornalistico sono state 14, Italia inclusa. L’obiettivo della redazione era quello di dare voce agli elettori che entro domenica completeranno il rinnovo dell’Europarlamento. La Hyundai Tucson col divano rosso era partita da Setubal, in Portogallo, il 18 marzo.

La Hyundai Tucson è partita da Setubal ed è arrivata a Bruxelles

L’ultima tappa del viaggio era naturalmente Bruxelles. L’itinerario, ha fatto sapere il costruttore, si è concluso “senza alcun intoppo”. Naturalmente anche grazie ai sistemi di sicurezza e assistenza alla guida di cui è dotato. La coppia di cronisti a “geometria variabile” schierati da Euronews ha interpellato le popolazioni locali per conoscere il pensiero sulle elezioni. Per la filiale europea della casa asiatica il tour ha rappresentato una vetrina per il rinnovato suv. Del quale ha sottolineato la versatilità e la spaziosità. A cominciare dal vano bagagli della Hyundai Tucson, la best seller, la cui capacità è compresa tra 513 e 1.503 litri.

Articoli precedente

Solo un ribassino di IP e Italiana Petroli malgrado il crollo delle quotazioni

Articolo successivo

Nuova puntata TV: elettrica sì o elettrica no ?