Home»News»Subaru, energia solare e idroelettrica per abbattere le emissioni di CO2

Subaru, energia solare e idroelettrica per abbattere le emissioni di CO2

0
Condivisi
Pinterest Google+

Subaru, energia solare e idroelettrica per abbattere le emissioni di CO2

Subaru vuole ridurre le emissioni di CO2 in maniera significativa, almeno in Giappone. Entro il marzo del 2021, cioè nel giro di un anno e mezzo, la casa delle Pleiadi della quale Toyota è azionista, intende abbatterle e nell’ordine delle 20.000 tonnellate l’anno. Vale a dire circa il 3% delle emissioni annuali.

Impianto fotovoltaico a Oizumi da 1 mega watt

L’obiettivo verrà perseguito attraverso l’utilizzo di energia solare e idroelettrica, cioè fonti rinnovabili. Subaru intende installare un sistema di energia solare a consumo vincolato per i siti di Oizumi e introdurre l’energia idroelettrica per lo stabilimento principale di Gunma e per i suoi uffici a Mitaka, nella prefettura di Tokyo. La casa delle Pleiadi, che ha deciso di spingere sull’acceleratore anche sulle auto a zero emissioni, seguirà anche i programmi di certificazione Green Power/Green Heat. Verranno impiegati per il quartier generale e per il Subaru Training Center a Hachioji, entrambi situati nell’area di Tokyo. Per queste ultime due strutture, il costruttore punta ad annullare la produzione di anidride carbonica. L’impianto solare di Oizumi avrà una capacità di 1 MW con una generazione pari a 1.145 MWh l’anno.

Subaru vuole ridurre le emissioni di CO2 del 30% entro il 2030

Da sola, questa soluzione consentirà di ridurre le emissioni dirette di CO2 per 330 tonnellate, ovvero il 40% del totale degli impianti. Entro il 2030 l’ammontare di anidride carbonica prodotta da Subaru dovrebbe scendere del 30% rispetto ai livelli del 2016. Considerando che nel mondo c’è chi si ostina a non considerare l’ambiente come un grande patrimonio dell’umanità, questo nuovo sforzo di una impresa privata è un segnale importante. Molti costruttori hanno già cambiato regime: il rispetto per la natura è un valore in termine di immagine, ma spesso rappresenta anche un risparmio in termini economici. Almeno a medio/lungo termine.

 

 

Articoli precedente

Fino a 7 posti in meno di 4 metri, il "miracolo" indiano della Renault Triber

Articolo successivo

Mercedes Classe B: più sportiva e tecnologica è meglio