Home»News»Giro di vite sulle emissioni: i costruttori rischiano. A FCA la multa più alta

Giro di vite sulle emissioni: i costruttori rischiano. A FCA la multa più alta

0
Condivisi
Pinterest Google+

Giro di vite sulle emissioni: i costruttori rischiano. A FCA la multa più alta

Il mancato rispetto dei più restrittivi limiti sulle emissioni di CO2 fissati in Europa per il 2021 rischiano di costare cari ai costruttori. Ad FCA in particolare, che secondo la stima della società P.A. Consulting anticipata in esclusiva dalla tedesca Automobilwoche rischia di dover pagare una sanzione di 1,3 miliardi di euro.

Volvo, Toyota, Renault Nissan e Jaguar Land Rover sotto i limiti

Almeno stando all’analisi, il gruppo italo americano sarebbe quello chiamato a pagare il conto più salato. Ufficialmente FCA non ha piani per una elettrificazione della gamma, anche se una maggiore diffusione del metano potrebbe “salvarla”. In una intervista, Sergio Marchionne ha dichiarato che entro il 2025 più della metà delle auto vendute sarà ibrida o elettrica. Ma il riferimento è generale, non è chiaro come si riposizionerà FCA e, semmai, da chi prenderà la tecnologia. Il gruppo Volkswagen rischierebbe 1.200 milioni, ma i volumi e i ricavi sono ben diversi. Al contrario, sempre stando alle elaborazione della P.A. Consultig, Volvo, Toyota, Renault Nissan e Jaguar Land Rover, sarebbero gli unici in grado di rispettare i nuovi dettami. Volvo rimarrebbe di 13,4 g/km di CO2 sotto il limite, Toyota di 11, Renault Nissan di 4,6 e Jaguar Land Rover di 1,1. La stima sembra in qualche modo trovare conferma anche nelle parole di Dieter Zetsche, numero uno di Daimler.

Zetsche: “Oggi non possiamo garantire il rispetto dei limiti sulle emissioni”

A Detroit il top manager ha dichiarato di “non essere in grado di garantire oggi che riusciremo a farcela (a rimanere sotto il limite previsto, ndr)”. Gli analisti hanno previsto per Daimler (che controlla Mercedes e smart) uno sforamento minimo, appena 1,4 g/km di CO2, che costerebbe 200 milioni di multa. Per Bmw, l’altro brand premium preso in considerazione assieme a JLR e Volvo, sarebbe in debito di 3,7 g/km, pari ad una sanzione di mezzo miliardo. La proiezione per FCA è impietosa: addirittura 10,1 grammi oltre il limite. Gli esperti della P. A. Consulting hanno elaborato la ricerca anche sulla base degli annunci dei costruttori sui veicoli di prossima introduzione e sulle loro caratteristiche tecniche.

Articoli precedente

Ford raddoppia gli investimenti sull'elettrificazione: 11 mld di dollari

Articolo successivo

"Red Passion", la Ferrari vista da Avallone alla Mirafiori Galerie di Torino