Home»News»Il facelift della VW Tiguan in Italia a novembre. Per la prima volta plug-in

Il facelift della VW Tiguan in Italia a novembre. Per la prima volta plug-in

0
Condivisi
Pinterest Google+

L’aggiornata VW Tiguan arriva in estate (in Italia prima della fine dell’anno): il costruttore ha diffuso il bozzetto del rinnovato suv. Nei giorni scorsi la casa tedesca aveva anche anticipato che il modello avrebbe avuto una declinazione plug-in destinata all’Europa. Volkswagen ha parlato di 8 modelli ricaricabili per l’anno in corso.

Otto modelli ibridi alla spina annunciata da Volkswagen per il 2020

Gli altri sono la Touareg R da 462 CV, la Passat GTE, anche station wagon, la Golf eHybrid e GTE e la Arteon, che viene presentata per la prima volta anche come shooting break. La VW Tiguan a passo lungo (AllSpace nel Vecchio Continente ed in altri paesi) plug-in è già a listino in Cina dallo scorso anno, ma la novità europea include il facelift. Circa il quale la casa di Wolfsburg non ha fornito particolari dettagli. Dovrebbe essere scontata l’adozione di un nuovo sistema di infotainment e di avanzate funzioni di assistenza alla guida fino a 210 km/h di velocità.

La VW Tiguan viene prodotta in Germania, Russia, Cina e Messico

Il sistema plug-in dovrebbe garantire almeno una cinquantina di chilometri in elettrico. La VW Tiguan è un modello strategico per il costruttore tedesco. Lanciato nel 2007, ha già superato la soglia dei 6 milioni di unità prodotte. Dalle linee di assemblaggio ne esce un esemplare ogni 35 secondi. Il suv viene fabbricato in Germania, Russia, Cina e Messico ed è disponibile nell’80% dei paesi. In Europa è diventato il suv di maggior successo.

 

 

 

Articoli precedente

Quotazioni sempre depresse. Tamoil taglia il prezzo di benzina e diesel

Articolo successivo

Nuova puntata TV: una luce per il futuro della mobilità