Home»News»A FCA e Bmw i primati 2017 dei richiami negli USA, assoluto e percentuale

A FCA e Bmw i primati 2017 dei richiami negli USA, assoluto e percentuale

1
Condivisi
Pinterest Google+

A FCA e Bmw i primati 2017 dei richiami negli USA, assoluto e percentuale

Nel 2017 negli Stati Uniti FCA e Bmw hanno conquistato un primato del quale avrebbero volentieri fatto a meno perché riguarda i richiami. Con 4,87 milioni di veicoli coinvolti, FCA è stato il costruttore più esposto in termini assoluti. Bmw, invece, ha contabilizzato una percentuale del 588%, vale a dire quasi 6 auto richiamate per ogni auto venduta.

Richiami FCA negli Stati Uniti pari ad un quinto del totale

Lo rivela la ricerca del Center of Automotive Management (CAM) di Bergisch Gladbach, in Germania, sull’andamento del fenomeno. Lo scorso anno negli Stati Uniti la percentuale dei richiami è stata del 147%, sostanzialmente dimezzata rispetto al 2016 (291%). Nel 2014 era arrivata addirittura ad avvicinare il 400% (379% per la precisione). I richiami di FCA sono stati quasi un quinto del totale, che è stato di 25,4 milioni, quasi un terzo dei quali riconducibili sempre agli airbag del fornitore nipponico Takata. L’anno precedente erano stati 51,1 milioni e nell’ultimo lustro oltre 205 milioni. In termini assoluti, alle spalle del gruppo italo americano ci sono Hyundai e Honda. Tuttavia, almeno rispetto al 2016, FCA ha ridotto l’impatto delle campagne, scese al 235% mentre prima non erano troppo distanti dal 400%.

I gruppi tedeschi occupano tre delle poco invidiate prime sei posizioni

Bmw ha quasi raddoppiato la quota dei richiami, passando in un anno dal 320 al 588%. Alle sue spalle ci sono Mazda (407%), che era prima nel 2016 (oltre il 600%) e Mitsubishi (405%). Per i coreani di Hyundai e Kia il 2017 è stato un anno nero perché il gruppo è passato da 71 al 324%. In termini di incidenza dei richiami sui volumi, FCA è preceduta anche da Volkswagen (294%) e Mercedes (287%). Ford è il costruttore americano “puro” più esposto in termini assoluti con 2,96 milioni di veicoli richiamati. La quota è tuttavia ampiamente inferiore alla media, 115%. Fra i marchi esaminati dagli analisti del CAM, General Motors è penultimo con meno di un milione di macchine coinvolte per una percentuale di appena il 32%. Con il suo 15% di richiami, Volvo è il costruttore più “affidabile”.

Bratzel (CAM): “Qualità discutibile nel settore”

A proposito della qualità, Stefan Bratzel, responsabile del CAM, ha parlato di un “livello discutibile nel settore”. Per problemi tecnici legati alla sicurezza, 9 dei 16 costruttori presi in considerazione hanno dovuto richiamare più auto di quanto ne abbiano vendute. Un segnale poco incoraggiante per il comparto, anche perché, si legge nella ricerca, le disfunzioni rilevanti sono generalmente solo la “punta dell’iceberg”.

Articoli precedente

Hyundai Palisade, il grande suv a 8 posti fratello di Kia Telluride

Articolo successivo

Casco LS2: si rinnova la linea Infinity OF521