Home»News»Le auto si vendono anche in estate: gruppi FCA e Toyota bene in Europa

Le auto si vendono anche in estate: gruppi FCA e Toyota bene in Europa

0
Condivisi
Pinterest Google+

L’estate non ha fermato i clienti: in Europa il mercato dell’auto è cresciuto ancora, del 2,7% in luglio e del 5,4% in agosto. Nei primi 8 mesi, le vendite hanno superato quota 10,2 milioni di vetture, il 4,5% in più rispetto allo stesso periodo del 2016.

Agosto, il migliore in Europa dal 2008

L’agosto di quest’anno è risultato come il migliore dal 2008 a conferma di una situazione piuttosto “spumeggiante”. Fra i grandi mercati, l’Italia continua ad essere quello più vivace con il quasi +16% di agosto ed il +9% tra gennaio ed agosto. Incluse Spagna e Francia, le maggiori crescite arrivano proprio dai mercati “mediterranei”. Il Regno Unito ha contabilizzato una flessione dei volumi del 2,4% in otto mesi.

Il luglio FCA è cresciuta “solo” dell’1,4%

Fiat Chrysler Automobiles, ad eccezione di luglio (solo +1,4% di volumi in più), continua ad andare meglio della media: +9,8% in agosto e, soprattutto, + 9,5% dall’inizio dell’anno. FCA ha consegnato quasi 730.000 macchine e portato la sua penetrazione al 7,1%. In 8 mesi, Lancia e Jeep hanno perso rispettivamente quasi il 6% ed il 2,5%. La contrazione dei volumi dei due brand è stata compensata dalle crescite di Fiat (+9,5%) e di Alfa Romeo (+36,5%). Grazie a 500 e Panda (quasi il 30% insieme), Fiat continua a dominare nel segmento A e con 500L ha il modello più venduto nella propria classe (24,3%). Giulia e Stelvio sono naturalmente le vetture che stanno facendo la differenza per Alfa Romeo.

Opel marchio più venduto del gruppo PSA

Fra i grandi gruppi, il 2017 è stato finora ricco di soddisfazioni per Toyota che, nonostante Lexus, è cresciuta del 15,4%. PSA, inclusa Opel (il brand con la maggior quota di mercato in Europa del colosso transalpino), ha contabilizzato un aumento dei volumi dell’8,6%. Gratificazione europee anche per Renault, +7,5% grazie al +11% di Dacia. Suzuki continua a veleggiare sopra il 22% di crescita. Fra i brand “in rosso” continuano ad esserci DS (-34%) e smart (-5,6%).

Articoli precedente

"Sorpresa" elettrica per l'Europa del 2019, Honda Urban EV concept

Articolo successivo

Il ritrovato fascino di Isabella, il concept elettrico di Borgward