Home»News»FCA What’s Behind: come si sviluppano le nuove auto in condizioni estreme

FCA What’s Behind: come si sviluppano le nuove auto in condizioni estreme

0
Condivisi
Pinterest Google+

FCA ha realizzato “What’s Behind” un progetto cinematografico pensato per raccontare le delicate fasi di sviluppo delle nuove vetture. Il pubblico potrà osservare le attività che ingegneri e tecnici svolgono per garantire qualità, sicurezza, affidabilità e comfort. In ogni condizione. Proprio per questo l’accurato testing, le verifiche, le validazioni e le prove di fatica avvengono alle latitudini più disparate. La bontà strutturale di ogni progetto è elemento cardine di sicurezza attiva, e si misura in situazioni ambientali diverse, a cominciare da un range di temperatura che varia dai -40°C di Arjeplog, in Svezia, ai 40°C di Upington in Sudafrica.

Quello relativo alle ambientazioni costituisce il primo blocco tematico di FCA What’s Behind. I ghiacci svedesi e i deserti dell’estremo meridionale africano sono l’argomento della prime due puntate della docuseries. Negli episodi successivi, a cadenza mensile, l’attenzione si focalizzerà su altri centri FCA, come il Proving Ground di Balocco (VC), il Safety Center e il Centro Ricerche  Fiat di Orbassano (TO).  In una fase successiva gli argomenti riguarderanno temi più specifici, come l’efficienza dei motori, la tecnologia, il piacere di guida e l’aerodinamica, le modalità.

FCA What’s Behind

Prima puntata al Proving Ground FCA di Arjeplog

Arjeplog è una località della Svezia settentrionale che si estende per circa 14.500 Km2. Ad Arjeplog è possibile mettere alla prova le vetture in condizioni estreme di freddo glaciale. La latitudine è paragonabile a quella dell’Islanda e la temperatura può scendere sino a -40°C, ma la sicurezza non viene mai meno. Inoltre, la presenza di numerosi laghi ghiacciati offre decine e decine di chilometri di pista con vie di fuga generose. Infine, l’isolamento della zona, a circa mille km da Stoccolma e altrettanti da Capo Nord, garantisce la massima discrezione. La morsa del freddo è costante e consente a tecnici specializzati di eseguire ripetutamente le prove di messa a punto dei vari sistemi. Nella scenografica location il freddo crea superfici a bassa aderenza sulle quali sono state sviluppate enormi piste ghiacciate. Queste vengono sfruttate per la realizzazione di molteplici prove, dalla messa a punto delle sospensioni veicolo, alla cinematica. Il tutto senza dimenticare le prove su pneumatici, freni, sistemi di controllo, sistemi di trazione e differenziali. Ogni elemento deve funzionare perfettamente anche nelle situazioni più critiche.

FCA What’s Behind

Il lavoro del centro prove:

Articoli precedente

Juventus e Jeep "all'ottavo cielo" per il 35° scudetto, il primo con Ronaldo

Articolo successivo

Nissan Micra GPL, quando la compatta raggiunge i 1.000 km di autonomia