Home»News»Ferrari 812 Superfast: la nuova berlinetta V12 debutterà a Ginevra

Ferrari 812 Superfast: la nuova berlinetta V12 debutterà a Ginevra

1
Condivisi
Pinterest Google+

Al prossimo Salone di Ginevra, in scena fra poco meno di un mese, la Ferrari presenterà la sua nuova berlinetta 12 cilindri: la Ferrari 812 Superfast, la vettura stradale a motore anteriore più potente e prestazionale della storia del Cavallino. Fin dal primo sguardo si nota la tipica connotazione da fastback, una due volumi dalla coda sostenuta che richiama la 365 GTB4 del 1969. Come in tutte le Ferrari, stile e funzioni aerodinamiche si plasmano al meglio in soluzioni uniche. Due esempi sono il frontale multifunzionale che integra tra le altre l’ingresso a portelle dinamiche sulla parte anteriore del fondo, e il parafango posteriore che presenta un inedito by-pass aerodinamico per incrementare il carico.

L’abitacolo rispetto alla generazione uscente, la F12, presenta una caratterizzazione maggiormente portiva: la plancia ha una struttura orizzontale passante che ingloba le bocchette aria e crea una scultura metallica, mentre i nuovi sedili si distinguono per un’ergonomia ottimale e uno stile leggero e sportivo. Novità anche per l’interfaccia uomo-macchina, con nuovo volante e strumentazione, assieme al sistema di infotainment e climatizzazione di ultima generazione. La 812 Superfast è la prima Ferrari dotata di EPS (Electric Power Steering), il servosterzo elettrico, impiegato per estendere le prestazioni e il divertimento di guida integrandolo con gli altri sistemi e controlli presenti sulla vettura, incluso la versione 5.0 del sistema Side Slip Control (SSC).

La Ferrari 812 Superfast è mossa da un inedito motore V12 da 6.5 litri, in grado di sviluppare ben 800 cavalli, con una potenza specifica di 123 cv/l. Inoltre, l’80% della coppia massima di 718 Nm (a 7 mila giri/minuto) è già disponibile ai 3.500 giri/minuto, a totale vantaggio della guidabilità e dell’accelerazione in ripresa fin dai bassi regimi. È stato possibile raggiungere questi livelli di prestazioni grazie anche all’adozione per la prima volta su un motore altamente prestazionale del sistema a iniezione diretta a 350 bar, assieme ai condotti di aspirazione a geometria variabile derivati come concetto dai motori F1 aspirati. A tale unità si affianca poi un cambio dual clutch che beneficia di rapporti specifici, abbinati a tempi di cambiata accorciati da una marcia all’altra, per ottenere risposte più rapide. Così convigurata la vettura del Cavallino Rampante accelera da 0 a 100 km/h in 2,9 secondi e raggiunge una velocità massimda di 340 km/h.

Articoli precedente

DS3 Performance Line: con il 1.6 THP da 165 cv ha stile e grinta

Articolo successivo

Honda Civic decima generazione: carattere confermato