Home»Auto sportive»Ferrari California Handling Speciale, agilità prima di tutto

Ferrari California Handling Speciale, agilità prima di tutto

0
Condivisi
Pinterest Google+

Rivista nella meccanica e nell’elettronica per esaltarsi – ed esaltare – nel misto, la Ferrari California si smarca un po’ dalla sua filosofia molto americana, che all’handling estremo preferisce l’equilibrio fra prestazioni e comfort; in altre parole: ok andare forte, ma guai alla più piccola delle scomodità. Il nuovo allestimento Handling Speciale che debutterà al Salone di Ginevra ribalta la prospettiva: in primo piano passa la reattività fra le curve, a costo anche di sacrificare qualcosa in termini di assorbimento. Esteticamente sono state introdotte nuove griglie in color Grigio Ferro Met opaco nel frontale e, nello stesso colore, è realizzato l’estrattore aerodinamico posteriore, in questo caso abbinato alle derive nere opaco come i codini di scarico.  Nell’abitacolo, la California HS si caratterizza invece per una targa dedicata.

Ecco dunque molle più rigide del 16% all’anteriore e del 19% al posteriore, con una conseguente riduzione dei movimenti di cassa, di beccheggio e rollio. Come ogni Ferrari che si rispetti, la HS presta grande attenzione al sound: è stato sviluppato appositamente un nuovo scarico, caratterizzato da due primari e una geometria di silenziatore studiata ex-novo. Il lavoro sullo scarico della Ferrari California Handling Speciale va di pari passo con la messa a punto software dei controlli motore e cambio.

Dal punto di vista dell’elettronica, la Handling Speciale conta su nuove nuove tarature che permettono di differenziare in particolare il setup Sport del famoso manettino, il comando sul volante mediante il quale personalizzare le risposte dell’auto. La nuova strategia degli ammortizzatori a controllo magnetoreologico SCM3 regala una maggiore velocità di risposta agli input del volante e un’efficacia nel controllo della vettura. Sono state modificate inoltre le logiche di cambiata, per ottenere innesti più rapidi e sportivi. Parlando di handling, un ruolo fondamentale lo ricopre il differenziale autobloccante, che a Maranello chiamano F1-Trac: la stratega di controllo elettronico è stata rivista nell’ottica di offrire più accelerazione, in particolare su strade sconnesse.

Articoli precedente

Neopatentati, raddoppia l'offerta di motori per la Audi A1

Articolo successivo

Aston Martin Vulcan, prezzo lievita da 2,3 a 3,4 milioni di dollari