Home»News»Ferrari cerca il nuovo Ceo, a Manley le operazioni americane di Stellantis

Ferrari cerca il nuovo Ceo, a Manley le operazioni americane di Stellantis

0
Condivisi
Pinterest Google+

Nel toto nomine per la delicata successione di Louis Camilleri alla guida di Ferrari, John Elkann ha indirettamente escluso uno dei potenziali e più autorevoli candidati, ossia Mike Manley. Almeno secondo le solite indiscrezioni, l’attuale Ceo di FCA era fra i papabili. Escluso dal CdA di Stellantis, la società nella quale confluiranno le attività di FCA e di Groupe PSA dopo la fusione, il manager britannico che ha rilanciato Jeep dovrebbe ottenere un nuovo incarico.

Elkann anticipa l’incarico dell’attuale Ceo di Fiat Chrysler Automobiles

In una lettera ai dipendenti, Elkann, presidente di Stellantis, ha informato che a Manley verrà chiesto di guidare le attività americane della società. Certamente meno prestigioso del ruolo attuale, l’incarico è comunque delicato. Perché le operazioni americane garantiscono forti utili ad FCA e Groupe PSA è praticamente esclusa dal mercato d’Oltreoceano. La società transalpina ha già deciso di insediarsi nuovamente sull’altra spina dell’Atlantico, ma con Stellantis le prospettive sono diverse.

In corsa per Ferrari anche Maestri, Ive, Colao, Innocenti e Altavilla

Con Manley “fuori dai giochi” (da gennaio non sarà nemmeno più presidente dell’ACEA, gli subentra il capo di Bmw Zipse), nella scacchiera delle nomine la casella di Ferrari continua a restare libera. Tra i nomi che circolano ci sono quelli di Luca Maestri, di Vittorio Colao e di Jony Ive. Il primo è il responsabile delle finanze in carica del Cavallino Rampante. Il secondo è  stato numero uno di Vodafone, mentre il terzo ha guidato il design di Apple. Fra gli altri papabili ci sarebbero un ex di Ferrari come Pietro Innocenti, adesso a capo di Porsche Italia, ed un ex di FCA come Alfredo Altavilla.

 

Articoli precedente

Suzuki Swace: partono dal web le vendite italiane

Articolo successivo

"Variante Covid" frena corsa dell'oro nero. Benzina, diesel e GPL in rialzo