Home»News»Fiat Centoventi: una concept che anticipa la citycar del futuro

Fiat Centoventi: una concept che anticipa la citycar del futuro

0
Condivisi
Pinterest Google+

Fiat Centoventi: originale concept car a zero emissioni

Fiat Centoventi è il concept in stile Ikea che il marchio italiano ha esibito al Salone di Ginevra. La Casa parla di una “nuova pietra miliare” per portare sul mercato una “soluzione per rendere la mobilità elettrica accessibile a tutti”. Con la Fiat Centoventi sarà lo stesso cliente a configurare gli interni, scegliere gli accessori e adattare gli spazi in base alle proprie necessità. Significa che, almeno in teoria, ogni vettura è sempre unica. La personalizzazione riguarda anche le batterie che possono permettere un’autonomia compresa tra i 100 ed i 500 chilometri.

Gli accumulatori aggiuntivi (fino a tre), fa sapere il costruttore, possono venire acquistati o anche solo noleggiati. Per la Fiat Centoventi è stato sviluppato uno specifico programma, il “4U”. Significa 4 tettucci, 4 paraurti, 4 copriruota e 4 pellicole esterne. Il nome del concept celebra la ricorrenza di Fiat, che ha appunto 120 anni di storia. Fedele alla propria storia, la casa torinese punta su dimensioni compatte. La Fiat Centoventi è un prototipo a quattro posti da meno di 3,7 metri di lunghezza. In altezza misura 1,527 metri e 1,846 in larghezza, specchietti inclusi. Grazie alle ruote spostate alle estremità, il passo è di 2,43 metri.

Grazie ai ricambi Mopar, la Fiat Centoventi potrà anche venire modificata successivamente all’acquisto. A parte paraurti, tetto in policarbonato, livrea, strumento di guida Lingotto, batterie e portellone posteriore digitale, gli altri 114 accessori possono venire installati direttamente dal cliente. Il costruttore immagine anche un mercato anche di scambio fra la comunità dei nuovi “centoventisti”. Fiat ha brevettato uno specifico sistema per gli incastri dei pezzi.

Fiat-Centoventi

Articoli precedente

Toyota al Giro d'Italia 2019: Rav 4 Hybrid e Corolla Hybrid le auto ufficiali

Articolo successivo

Alfa Romeo Tonale: è nata una nuova icona di stile ?