Home»News»Ford Focus, quarta generazione più spaziosa. E la RS sarà mild hybrid

Ford Focus, quarta generazione più spaziosa. E la RS sarà mild hybrid

0
Condivisi
Pinterest Google+

Ford Focus, quarta generazione più spaziosa. E la RS sarà mild hybrid

La presentazione della nuova Ford Focus avverrà il prossimo 10 aprile – e la prossima settimana potremo svelarvi tutto – ma in rete circola già qualche immagine. La quarta generazione della vettura globale dell’Ovale Blu disporrà di tre varianti di carrozzeria, incluse la berlina e la familiare.

La prossima RS avrà una potenza di 400 CV e arriverà nel 2020

Sembra praticamente scontato il debutto di una declinazione ispirata al mondo dei suv, che potrebbe essere la Active. La declinazione sportiva, la RS, arriverà in seguito anche se nel frattempo è già stata decisa l’uscita di produzione della “vecchia”, sviluppata assieme a Ken Block. La potenza arriverà a 400 CV con 600 Nm di coppia grazie anche all’adozione della tecnologia mild hybrid. Gli appassionati dovranno però attendere fino al 2020. La sopravvivenza della Ford Focus Electric è molto incerta.

Ford Focus più leggera di 50 chilogrammi e con un passo allungato

A quanto pare perderà almeno una cinquantina di chilogrammi grazie ad una architettura più leggera e ad acciai ad alta resistenza. Le proporzioni non dovrebbero cambiare troppo rispetto a quelle attuali anche se è previsto che il passo aumenti di almeno 5 centimetri. Significa che i passeggeri saranno in grado di avvertire la differenza a bordo. La presenza su strada è destinata ad aumentare, perché la nuova Ford Focus sarà anche più larga.

Bagagliaio da 600 litri con i sedili in posizione standard

E verosimilmente anche un po’ più lunga: si parla di 10 centimetri guadagnati dalla familiare. La capacità del bagagliaio schizzerà a 600 litri. Dal video che anticipa la presentazione dell’auto si distinguono alcuni elementi della nuova Ford Focus. Davanti spiccano la nuova impostazione dei fari e dietro un generoso portellone con il logo Focus all’interno del quale compare l’obiettivo della telecamere posteriore.

Articoli precedente

Skoda Karoq: il nostro primo contatto con il suv ceco

Articolo successivo

Umberto Cini nuovo general manager di Maserati Europa