Home»News»Il possibile ritorno della Ford Maverick, questa volta come piccolo pick-up

Il possibile ritorno della Ford Maverick, questa volta come piccolo pick-up

0
Condivisi
Pinterest Google+

Anticonformista: il nuovo “piccolo” pick-up (nell’immagine l’emoji sviluppata dal costruttore) dell’Ovale Blu potrebbe chiamarsi Ford Maverick. Che, appunto, significa anticonformista. Un nome noto ai fan di Tom Cruise e del film “Top Gun”, nel quale uno dei protagonisti è Maverick. Alla fine di giugno di quest’anno era in programma l’uscita del sequel nelle sale americane. Il debutto è stato rinviato di sei mesi per via del coronavirus.

Il nome sarebbe comparso su un disegno in 3D al computer

Il presunto nome Ford Maverick è ancora un’indiscrezione: l’Ovale Blu non ha fornito alcuna notizia in merito. Del resto, anche la stessa esistenza del modello era stata una fuga di notizie, poi confermata dalla circolazione di un pick-up camuffato che potrebbe debuttare già nel 2021. Jim Farley, ex numero uno europeo di Ford e attuale Chief Operating Officer, ne aveva anticipato il progetto nel corso di un incontro con i concessionari lo scorso marzo. A quanto pare il nome Ford Maverick sarebbe comparso su un’immagine in 3D realizzata al computer. Non sarebbe la prima volta che l’Ovale Blu fa ricorso all’anticonformista.

Il possibile Ford Maverick dovrebbe costare meno di 20.000 dollari

La prima volta era accaduto per una compatta fabbricata tra il 1969 ed il 1977 e la seconda per un suv offerto tra il 2003 ed il 2007 anche in Europa. Circa la possibile baby Raptor non esistono dettagli, anche perché il costruttore americano ha in ballo numerosi progetti su elettrificazione, pick-up e suv. E oltre alla variante elettrica dell’F-150 c’è attesa anche per un altro gran ritorno, quello del Bronco. Tra le ipotesi c’è quella di una variante del pick-up Courier da poco più di 4 metri di lunghezza prodotto in Brasile fino al 2013 che potrebbe venire fabbricato in Messico. L’obiettivo sarebbe quello di un prezzo sotto i 20.000 dollari.

 

 

Articoli precedente

Ferrari avvicina Mercedes almeno in Borsa. E intanto sorpassa GM

Articolo successivo

McLaren e l'isolante imperfetto, 2.700 bolidi da richiamare. Anche la Senna