Home»News»Ford Puma: svelata la prima immagine dell’inedita crossover

Ford Puma: svelata la prima immagine dell’inedita crossover

0
Condivisi
Pinterest Google+

Al Go Futher Event la Ford  ha svelato la prima immagine della Puma. Nel dettaglio, si tratta di un’inedita crossover. Sfoggerà un design di carattere, un’elevata versatilità e la tecnologia Mild-Hybrid, con batterie a ioni di litio da 48 volt. La Puma arriverà negli showroom a fine anno. Sarà prodotta presso lo stabilimento di Craiova, in Romania.

La prima immagine della Puma lascia intravedere linee atletiche e proporzioni tipiche da crossover, con un’altezza da terra rialzata. Stando alle prime indiscrezioni rilasciate dalla Casa, i suoi punti di maggiore forza saranno tre. Gande versatilità, spaziosità e un volume di carico notevole. La Puma arricchisce l’ampia gamma di Suv e di crossover Ford presenti in Europa, che includono Fiesta Active, Focus Active, EcoSport, Kuga, Edge e il nuovissimo Explorer Plug-In Hybrid. Una famiglia destinata ad ampliarsi ulteriormente nel corso dei prossimi anni, considerata la grande richiesta da parte del pubblico. Oggi, in Europa, più di una Ford su cinque è infatti una Suv e le vendite sono aumentate di oltre il 19% nel 2018.

A livello tecnico, va sottolineato che la tecnologia EcoBoost Hybrid ottimizzerà l’efficienza, garantendo una potenza intorno ai 155 cv. Uno starter/generator (BISG), azionato da una cinghia, consentirà inoltre il recupero e lo stoccaggio dell’energia che solitamente si disperde durante la frenata, per caricare la batteria agli ioni-litio da 48 volt raffreddata ad aria. Il BISG agisce anche come motore e si integra perfettamente con l’EcoBoost 1.0 da 3 cilindri, utilizzando l’energia immagazzinata dalla batteria, per fornire coppia addizionale nelle normali condizioni di guida, riducendo così l’attività del motore termico.

 

Ford Puma

Articoli precedente

Michelin & Garage Italia: siglata una partnership triennale

Articolo successivo

FCA inaugura l’Heritage HUB e mette in mostra la propria storia