Home»News»Ford Territory EV, esordio elettrico cinese col suv che non arriva in Europa

Ford Territory EV, esordio elettrico cinese col suv che non arriva in Europa

0
Condivisi
Pinterest Google+

Ford Territory EV, esordio elettrico cinese col suv che non arriva in Europa

La “prima volta” elettrica in Cina è con il Ford Territory EV, cioè la versione a zero emissioni del suv da 4,58 metri di lunghezza. Con lo stesso nome L’Ovale Blu commercializza anche un modello da 4,85 metri, ad esempio in Australia. Lo sport utility vehicle a batteria per il Regno di Mezzo viene prodotto nell’ambito del joint-venture con Jiangling Motors.

Per il Ford Territory EV vengono dichiarati fino a 360 km di autonomia

Il modello è stato sviluppato sulla piattaforma dello Yusheng S330. L’autonomia dichiarata per il Ford Territory EV è di 360 chilometri. I clienti cinesi dovrebbero poter cominciare a vederlo nelle concessionarie tre qualche mese, in ogni caso prima della fine dell’anno. La versione a zero emissioni si distingue anche esteticamente dal modello dal quale deriva. Ad esempio per la forma dei gruppi ottici, per alcuni elementi della griglia frontale e, al posteriore, per l’assenza degli scarichi, sostituiti da vistosi luci a Led. All’interno dell’abitacolo spicca un generoso schermo da 10,25 pollici.

Nel 2020 dovrebbe debuttare un un modello dell’Ovale Blue con 600 km di percorrenza

Circa i dati tecnici, il costruttore non ha rivelato dettagli del Ford Territory EV, che dovrebbe tuttavia disporre di avanzati sistema di assistenza alla guida. Il Ford Territory EV non arriverà in Europa, dove l’offensiva elettrificata sarà basata soprattutto su declinazioni ibride. Nel Vecchio Continente sono previste varianti elettrificate per ogni veicolo della gamma (16 modelli elettrificati in totale) . Già l’anno prossimo dovrebbe debuttare il primo suv a zero emissioni, accreditato con 600 km di autonomia. L’autocarro a zero emissioni Ford Transit arriverà sul mercato nel 2021 con 150 km di raggio d’azione.

 

Articoli precedente

Sordo vince il Rally di Sardegna grazie all'errore di Tanak nel Power Stage

Articolo successivo

Dieselgate, ecco quanto ha speso Volkswagen Group per non risarcire