Home»News»Economie di scala tra Ford e Volkswagen Group su 8,6 mln di veicoli

Economie di scala tra Ford e Volkswagen Group su 8,6 mln di veicoli

0
Condivisi
Pinterest Google+

Volkswagen Group e Ford hanno “dato i numeri” formalizzando i progetti di la collaborazione annunciati all’inizio dello scorso anno: 8 milioni di veicoli commerciali e almeno 600.000 auto elettriche entro il 2030. Come anticipato, il prossimo pick-up Amarok nascerà sulla base del Ford Ranger: il modello verrà commercializzato a partire dal 2022.

Futura auto elettrica Ford realizzata sulla piattaforma MEB del gruppo tedesco

Sulla piattaforma dell’ultima generazione del Caddy nascerà un veicolo commerciale leggero destinato alla logistica urbana. Ford (che negli Stati Uniti deve richiamare almeno 2,15 milioni di veicoli per possibili problemi alla serratura delle portiere: sono coinvolte anche Fiesta, Focus e Fusion) svilupperà a sua volta un furgone da una tonnellata. Dal 2023, inoltre, l’Ovale Blu disporrà della piattaforma modulare elettrica (MEB) del colosso tedesco sulla quale nascerà una vettura a zero emissioni generosa negli spazi. Con questa auto, fabbricata in Germania, presso il sito di Merkenich, a Colonia, Ford amplierà la propria gamma elettrica.

Volkswagen AG e l’Ovale Blu valutano possibili ulteriori collaborazioni

Con la cooperazione nell’ambito degli LCV, la cui domanda è in crescita, Volkswagen Group e Ford sono certe di rafforzare la loro posizione in modo “significativo”. Le economie di scala consentiranno, informano le due aziende, di trasferire più velocemente sul mercato nuove tecnologie e modelli più adatti alla domanda. Ma i gruppi tedesco e americano vogliono vagliare anche possibili nuove alleanze nel campo dei veicoli elettrici. Sulla guida autonoma hanno già stretto un’alleanza grazie all’investimento nella Argo AI. Ancora una volta, Volkswagen Group e Ford hanno escluso partecipazioni azionarie reciproche. Le due società collaborano, ma restano rivali.

Articoli precedente

La nuova Corvette Stingray arriva in Italia solo nel 2021. Ma con 495 CV

Articolo successivo

Il 24 giugno riapre il Museo Alfa Romeo, visitabile anche la "Collezione"