Home»News»INDAGINI/ Furti auto in Italia, piaga high-tech: solo 41% recuperato

INDAGINI/ Furti auto in Italia, piaga high-tech: solo 41% recuperato

0
Condivisi
Pinterest Google+

Roma – In Italia, nel 2013, sono state rubate quasi 8 auto l’ora (7,5 per l’esattezza). E appena il 41% è stato recuperato, il più basso tasso degli ultimi anni. Significa che di 66.000 veicoli (su 112.000) si sono perse le tracce. E se la tecnologia aiuta chi sta al volante, sta aiutando anche i topo d’auto: nel 1993 impiegavano 9 minuti per scassinare una vettura, 10 anni dopo appena 14 secondi (solo due anni fa era un minuto). Sono alcuni dei dati contenuti nel “Dossier annuale sui Furti d’Auto 2013”, elaborato da LoJack Italia sulla base dei dati forniti dal Ministero dell’Interno. Crisi e spending review sono alla base del fenomeno che si combina con i la disponibilità di dispositivi high-tech che facilitano i furti. Le analisi rivelano che le organizzazioni criminali si stanno interessando massicciamente al ramo dell’automotive: le vetture rubate finiscono spesso all’estero (soprattutto verso i paesi dell’Est, come Romania, Ucraina e Ungheria) ed alimentano il mercato delle auto usate o quello dei pezzi di ricambio.

 

Se un’auto viene rubata al Sud, le speranze di riaverla sono poche: appena il 22% dei casi in Basilicata, il 27% nel Lazio ed il 28% in Campania. Nelle due gradi isole la situazione migliora: sia Sicilia (43%) sia Sardegna (49%, come il Trentino Alto Adige, comodo crocevia per l’export) sono sopra la media nazionale. Al contrario, in Umbria si registra il tasso più alto di recuperi (83%). Possono dormire sonni relativamente tranquilli anche gli automobilisti di Emilia Romagna (77%), Veneto (75%) e Marche (70%). Le attività criminali sono tuttavia concentrate in appena cinque regioni dove si registra il 78% dei furti: 87.792 casi. La Campania mantiene il poco invidiabile primato (22.268), seguita da Lazio (19.525), Sicilia (16.271), Lombardia (14.998) e Puglia (14.730). Particolarmente colpite sono le società di noleggio a breve e lungo termine che dopo 60 giorni avviano le pratiche per l’indennizzo, gravando così sui costi assicurativi. Tra i marchi preferiti ci sono Audi e Mercedes-Benz, mentre fra i modelli sono gettonati Fiat 500 e Toyota Rav 4.

 

Articoli precedente

CARBURANTI/ Scendono quotazioni aumentano prezzi, metano incluso

Articolo successivo

PROMOZIONI/ Sorrentino per Fiat 500 Cult e Cabrio con lo sconto