Home»News»GERMANIA/ "Ripresina" in aprile: +3,8%. Benissimo Jaguar e Seat

GERMANIA/ "Ripresina" in aprile: +3,8%. Benissimo Jaguar e Seat

0
Condivisi
Pinterest Google+

Berlin (Germania) – Sospiro di sollievo in Germania per l’andamento delle immatricolazioni del mese di aprile (284.444) che sono aumentate del 3,8% rispetto allo stesso mese del 2012. L’inversione di tendenza (forte rispetto a marzo) non è bastata a riportare in positivo il dato da inizio anno: da gennaio a fine aprile sono state vendute l’8,5% di auto in meno. La quota privati si è attestata al 39,8%, poco sopra quella dello scorso anno. La richiesta di suv è cresciuta del 15,2%.

Il primo quadrimestre tedesco è stato particolarmente gratificante per due marchi: Jaguar che l’ha chiuso in crescita del 34,4% (+186,% solo in aprile) e Seat (che ha appena avvicendato l’amministratore delegato), che l’ha archiviato con un balzo del 32,4% (+67,8% in aprile). Lo scorso mese il numero dei marchi “positivi” è cresciuto, ma il bilancio del quadrimestre resta pesante. Sono preceduti dal segno “+” solo Dacia (6,7%, grazie al +33% di aprile), Honda (5,4% in virtù del +23,3% di aprile), Jeep (3,6, nonostante il -7% dello scorso mese), Kia (5,4%, sostenuto dal +25,2% di aprile), Land Rover (20,7%; +37,3% negli ultimi 30 giorni), Porsche (2,3%, soprattutto con il +16% di aprile) e Subaru (6,8% e addirittura +127,6% in aprile).

Per Alfa Romeo e Lancia la flessione è senza fine: il Biscione cede il 49,5% (-57,2% del quadrimestre), Lancia perde un altro 62,3% (-61,4% dall’inizio dell’anno), mentre Fiat è praticamente allineata con il mercato (-4,1%). Volkswagen resta il marchio leader: in aprile recupera il 4,2%, ma contabilizza un -11,5% nel quadrimestre. Tutti i marchi tedeschi ad eccezione di Bmw (-10,2 %), Mini (-18,3 %) e Smart (-12,1 %) hanno registrato una crescita in aprile. In Germania, le auto ad alimentazione “alternativa” sono ancora meno dell’1%. Ma in aprile le immatricolazioni di quelle elettriche sono aumentate del 91,9% (la Merkel ne voleva un milione su strada entro il 2020), quelle a metano del 79,8% e quelle ibride del 66,8%.

Articoli precedente

CARBURANTI/ Eni e Q8 abbassano i prezzi. Gpl cala di 3 cent

Articolo successivo

JEEP/ Andrea Pirlo nuovo ambasciatore Jeep nel mondo