Home»News»Germania oltre i 3,4 milioni: costruttori tedeschi meno profeti in patria

Germania oltre i 3,4 milioni: costruttori tedeschi meno profeti in patria

0
Condivisi
Pinterest Google+

Germania oltre i 3,4 milioni: costruttori tedeschi meno profeti in patria

Con poco più di 3,44 milioni di nuove auto immatricolate, la Germania archivia il 2017 come il terzo miglior anno dall’inizio del secolo. La crescita dei volumi è stata del 2,7%. Fra i marchi censiti dalla KBA, Tesla è stato quello che ha fatto registrare la maggiore espansione (+74,6%) seguita da Alfa Romeo (+42%).

FCA ha raggiunto il 3,1% di quota grazie a Fiat (+9%) e Alfa Romeo

In dicembre il Biscione ha dovuto contabilizzare una forte flessione, quasi il 28% (il mercato ha ceduto l’1%) in meno con appena 340 unità vendute. I numeri sono ancora bassi (poco più di 6.000 auto) e la quota è dello 0,2%, il doppio di Tesla (oltre 3.300 esemplari e 0,1% di penetrazione). FCA ha venduto più auto rispetto allo scorso anno, malgrado Jeep sia “scivolata” del 9,4% (0,4% di quota). Fiat è avanzata del 9% consegnando più di 84.300 macchine. Altre crescite significative (oltre il 20%) sono state messe a segno di marchi non tedeschi: Dacia, Lexus, Peugeot e Suzuki.

In Germania la quota delle auto a gasolio è la più bassa dal 2009

DS e Honda sono i costruttori che hanno subito la maggior contrazione dei volumi: -24,% e -20,3%. Per i costruttori nazionali, scossi da scandali e penalizzati dal rischio di blocchi della circolazione per i veicoli diesel, il 2017 è stato un anno difficile. Del resto da due anni le vendite mensili delle auto a gasolio sono inferiori a quelle dei dodici mesi precedenti. La quota del 2017 (38,8%) è la più bassa dal 2009: in dicembre si era ridotto al 33,4%. L’unico brand della Germania cresciuto più della media è Mercedes, +4,8%. Volkswagen, nonostante una flessione del 3,3%, resta il brand con la quota più importante, scesa tuttavia al 18,4%.

Costruttori tedeschi “scivolano”, ma controllano il 55,8% del mercato

Nel complesso, i gruppi tedeschi controllano il 55,8% del mercato contro il 57,1% del 2016. Le immatricolazioni a benzina hanno raggiunto il 57,7%, anche se le percentuali di espansione più significative riguardano le auto elettrificate (3,2% di penetrazione incluse quelle a zero emissioni). Nel 2017 in Germania sono state vendute 84.675 ibride (+76,4 %) di cui quasi 29.500 plug-in (+114,2%). Sono state targate anche 25.056 macchine puramente elettriche (+119,6%). Tuttavia, le emissioni medie di CO2 delle nuove auto sono passate da 127,4 g/km a 127,9. La quota privati è rimasta pressoché stabile al 35,6%, 0,6 punti base in più rispetto al 2016.

Articoli precedente

Kia gioca d'anticipo a Las Vegas: Niro EV e primo sistema 5G per auto

Articolo successivo

Nuovi rincari per benzina e diesel: oggi sono di IP e Tamoil