Home»News»Romeo Ferraris vuole riportare Alfa nelle competizioni con Giulietta TCR

Romeo Ferraris vuole riportare Alfa nelle competizioni con Giulietta TCR

0
Condivisi
Pinterest Google+

Un lavoro durissimo”, così Mario Ferraris ha sintetizzato il lavoro di sviluppo di Alfa Romeo Giulietta TCR, una versione da competizione della quale è prevista la produzione di 10 esemplari, almeno per ora. Si tratta di un modello pensato per il nuovo campionato e messo a punto dall’officina Romeo Ferraris. “La vettura è ora pronta e abbiamo già testato il motore con risultati promettenti. Ora potremo intraprendere lo sviluppo tecnico in pista”, ha aggiunto Mario Ferraris.

Il prezzo sarà di 98.000 euro (“più il costo dei dati e tasse”, si legge in una nota). Il motore di Alfa Romeo Giulietta TCR è il quattro cilindri in linea da 1742cc da300 CV abbinato alla trazione anteriore ed al cambio Sadev a 6 marce a innesti frontali. Le sospensioni sono McPherson all’anteriore e multilink al posteriore. Per quanto riguarda i freni, la Giulietta TCR di Romeo Ferraris monta 6 pistoni con dischi da 378 mm all’anteriore e 4 pistoni con dischi da 290 mm al posteriore. La lunghezza è di 4,351 metri e la larghezza arriva a 1,95, cioè la massima consentita dal regolamento TCR.

Il primo test di Giulietta TCR ha avuto luogo all’inizio del mese di novembre per consentire di spedire l’auto a Macao per prendere parte all’ultimo evento della TCR International Series. “Purtroppo i piani si sono rivelati più ottimisti e ovviamente non vogliamo rischiare di correre su una pista difficile come Macao senza aver accumulato l’esperienza necessaria”, ha spiegato Ferraris. Alfa Romeo Giulietta TCR resterà in Italia per proseguire le prove di sviluppo: al volante ci saranno lo stesso Mario Ferraris e Salvatore Tavano (che è stato pilota ufficiale Alfa Romeo nel WTCC), i quali raccoglieranno e condivideranno ulteriori dati.

Articoli precedente

Carburanti: Q8/Shell e Tamoil abbassano benzina e diesel

Articolo successivo

Infiniti QX30, debutta la rivale di Audi Q3, BMW X1 e Mercedes GLA