Home»News»Hyundai e Kia monteranno per primi l’airbag contro le collisioni multiple

Hyundai e Kia monteranno per primi l’airbag contro le collisioni multiple

0
Condivisi
Pinterest Google+

Hyundai e Kia monteranno per primi l’airbag contro le collisioni multiple

Il gruppo Hyundai ha annunciato “lo sviluppo e la futura commercializzazione del primo sistema airbag multi-collisione“. I futuri modelli Hyundai e Kia monteranno i nuovi cuscinetti salvavita destinati ad aumentare la protezione degli occupanti. Il colosso coreano ha garantito “significativi miglioramenti” quando l’urto principale è seguito da altri consecutivi.

Le collisione multiple riguardano il 30% degli incidenti

La fattispecie è piuttosto comune e secondo la Highway Traffic Safety Administration americana riguarda il 30% dei sinistri. Il dato è stato rilevato su 56.000 incidenti avvenuti in Nord American tra il 2000 ed il 2021. Le collisioni multiple si verificano in genere in occasione di “carambole” che seguono l’invasione della corsia opposta (31%) o le fermate improvvise (15%). Ma anche impatti con gli spartitraffico (8%) e collisioni con alberi o pali della luce (4%). Gli attuali airbag non scattano quando l’impatto iniziale non è sufficiente ad attivarli. I nuovi airbag sono in grado di “ricalibrare l’intensità dell’impatto” che serve per innescarli. Gli avanzati sistemi valutano anche la posizione degli occupanti nell’abitacolo dopo il primo urto.

I nuovi airbag “miglioreranno significativamente la sicurezza”

Gli airbag multi-collisione sono progettati per funzionare ancora più rapidamente quando i sistemi di sicurezza iniziali possono non essere più efficaci. “Ci aspettiamo di migliorare significativamente la sicurezza dei nostri conducenti e passeggeri”, ha sintetizzato Taesoo Chi, responsabile dello Chassis Technology Center di Hyundai Motor Group. “Continueremo la nostra ricerca analizzando gli scenari più disparati come parte del nostro impegno nella produzione di veicoli ancora più sicuri”, ha aggiunto.  Il gruppo Hyundai non ha tuttavia reso noto quando e con quali eventuali costi aggiuntivi per i clienti i nuovi cuscinetti salvavita verranno montati sui propri veicoli.

 

Articoli precedente

Richiamo preventivo di Volvo per 220.000 auto, nessun incidente segnalato

Articolo successivo

Golf GTI TCR, compatta stradale da 260 km/h derivata da quella da corsa