Home»News»Hydro, il prototipo italiano (di Adler Pelzer Group) di auto elettrica fuel cell

Hydro, il prototipo italiano (di Adler Pelzer Group) di auto elettrica fuel cell

0
Condivisi
Pinterest Google+

Hydro, il prototipo italiano (di Adler Pelzer Group) di auto elettrica fuel cell

Hydro, l’auto a idrogeno con tecnologia italiana, arriva dalla Campania ed è frutto di un progetto della Tecno Tessile Adler. La controllata dell’Adler Pelzer Group di Paolo Scudieri, che è anche il presidente dell’Anfia, sta portando avanti l’operazione in collaborazione con Uniparthenope e Medio Credito Centrale.

Progetto finanziato con risorse della Banca Europea degli Investimenti

Quest’ultimo ha finanziato il progetto con risorse della Banca Europea degli Investimenti. L’iniziativa punta a supportare lo sviluppo di “soluzioni innovative per veicoli hybrid ad impatto ambientale zero”. “Siamo orgogliosi – ha commentato Scudieri – di contribuire con il nostro know how allo sviluppo delle migliori tecnologie che muoveranno le auto del domani”. I dettagli del prototipo fuel cell Hydro non sono stati (ancora) resi noti. L’obiettivo della società è quello di mettere a punto una vettura alimentata a idrogeno. Che è poi “un’auto elettrica, dotata di pile a combustibile anziché di comuni batterie”.

I componenti della Hydro vengono assemblati in provincia di Benevento

I primi test sperimentali per l’affinamento della della tecnica “hanno fino ad oggi dato riscontro positivo”. L’assemblaggio di componenti come celle combustibili, serbatoi per l’idrogeno e motore elettrico avviene nello stabilimento di Airola. Non solo: la maggior parte dei componenti di supporto e raccordo sono prodotti direttamente da Adler. Tra questi anche parte della scocca, realizzata in fibra di carbonio, per rendere ancora più leggero ed ecosostenibile il veicolo. Hydro sarà il primo prototipo ibrido con motorizzazione elettrica alimentata da fuel cell preparato nello stabilimento Tecno Tessile Adler.

Articoli precedente

Eni lima di nuovo i prezzi. Oggi ribassi anche di IP, Italiana Petroli e Q8

Articolo successivo

Yellow Motori in TV: puntata del 2 giugno 2019