Home»News»Hyundai investe in Israele su sicurezza e connettività, intesa con Autotalks

Hyundai investe in Israele su sicurezza e connettività, intesa con Autotalks

0
Condivisi
Pinterest Google+

Hyundai investe in Israele su sicurezza e connettività, intesa con Autotalks

La sicurezza viene da Israele, almeno nel campo dell’automotive: Hyundai ha annunciato una partnership strategica con Autotalks. La società, che ha filiali anche in Germania, Nord America, Svezia, Giappone e Corea del Sud, è leader nella produzione di chipset per la comunicazione Vehicle to Everything (V2X).

La società israeliana aveva già raccolto fondi per 80 milioni

L’obiettivo è quello di “accelerare sviluppo e distribuzione della prossima generazione di tecnologie per le auto connesse”. L’entità dell’investimento non è stata resa nota e anche i media offrono versioni discordanti. Per la Reuters si tratta di un’operazione da “diversi milioni di dollari”, mentre secondo fonti israeliani sono “pochi milioni”. La ormai ex start-up aveva comunque già raccolto 80 milioni. La tecnologia V2X consente ai veicoli di comunicare con tutti: dagli utenti della strada ai veicoli fino alle infrastrutture. I vantaggi in termini di sicurezza sono evidenti, così come quelli in vista delle estensioni delle funzioni di guida autonoma. Alla base di questa tecnologia c’è il sensore NLOS (non-line-of-sight) che funziona in ogni ambiente ed qualsiasi condizioni meteorologica.

hyundai nexo fuel cell

 

“Hyundai continuerà ad investire in tecnologie innovative”

Informano chi sta al volante di eventuali pericoli e possono anche prendere il controllo del veicolo per evitare incidenti. Nelle auto a guida autonoma, si integrano con gli altri sensori. “Hyundai continuerà a investire in tecnologie innovative che sono in linea con i pilastri strategici attuali e futuri del brand”, ha assicurato Yunseong Hwang, direttore dell’Open Innovation Business Group di Hyundai Motor. I finanziamenti di Hyundai andranno ad alimentare la roadmap tecnologica di Autotalks e al tempo stesso supporteranno i nostri clienti e partner in tutto il mondo”, ha precisato Hagai Zyss, Ceo di Autotalks. Anche Seat valuta cooperazione con società israeliane, così come l’intero gruppo Volkswagen.

Articoli precedente

Serie speciale 500 Spiaggina '58, il cinquino dei ricordi e della Dolce Vita

Articolo successivo

Climatizzatore ancora a pagamento sulle auto, la "denuncia" di DAT-Italia